Emergenza coronavirus

Obiettivo 80% vaccinati: ecco le regioni più avanti e quelle più indietro

Il governo prevede di raggiungere la quota di vaccinazione che garantirebbe l’immunità entro settembre. Sull’isola il traguardo arriverebbe solo a metà ottobre. Lombardia prima

di Riccardo Ferrazza

I dati dei vaccinati al 10 agosto 2021

3' di lettura

Dopo Ferragosto si aprono le sei settimane decisive per la campagna di vaccinazione: tempo che manca per centrare l’immunità, vale a dire l’80% della popolazione vaccinata entro la fine di settembre, secondo i piani del governo.

Le due platee: studenti e over 50

L’attenzione è concentrata su due platee: da una parte i più giovani (quelli per i quali si sono aperte per ultime le prenotazioni), in modo da centrare il traguardo del 60% di studenti vaccinati prima dell’inizio delle scuole. Per questo la struttura commissariale per l’emergenza Covid-19 guidata da Francesco Paolo Figliuolo studia un piano che, dopo Ferragosto, apra ai giovani corsie preferenziali, quindi senza prenotazioni. Dall’altra per Figliuolo si deve«continuare a pensare anche agli over 50 perché è una categoria che ha bisogno di incrementare numeri di vaccinati e oggi con le varianti rimane più a rischio».

Loading...

Obiettivo 80% vaccinati a fine settembre

Secondo le proiezioni di Lab24 con la velocità media degli ultimi sette giorni (407mila iniezioni quotidiane) ci vorrebbe un mese esatto per coprire l’80% della popolazione vaccinabile: l’obiettivo verrebbe così raggiunto già il 9 settembre. Ma la media nasconde forti differenze tra territori: sotto la lente, in particolare ci sono la Sicilia, la Provincia autonoma di Bolzano, la Calabria e la Sardegna che restano indietro.

Il caso Sicilia

Con un tasso di occupazione dei posti letto ospedalieri e delle terapie intensive prossime rispettivamente al 15% e al 10%, due dei tre requisiti fissati dal governo per il cambio di fascia (il terzo, numero di contagi settimanali per 100mila abitanti sopra i 100 è già stato superato) la Sicilia rischia il passaggio in zona gialla e al contempo arranca nelle vaccinazioni: nell’isola la media delle somministrazioni è di 24.800 inoculazioni, un numero che porterebbe a coprire l’80% della popolazione vaccinabile solo il 12 ottobre. La controprova della difficoltà della Regione risulta dalla graduatoria di dosi somministrate ogni 100mila abitanti dove compare al penultimo posto: 106mila dosi, -22mila rispetto alla Regione più efficiente, la Lombardia.

Più in ritardo della Sicilia (ma con numeri assoluti decisamente più esigui) è solo la provincia di Bolzano: al ritmo attuale la copertura dell’80% dei vaccinabili arriverebbe solo tra 50 giorni, a fine ottobre. Tra i territori più popolosi, al ritmo attuale la Campania metterebbe in sicurezza i propri abitanti vaccinabili il 24 settembre. Ma finora la Regione guidata da Vincenzo De Luca è riuscita a somministrare un numero di dosi ogni 100mila abitanti in linea con la media nazionale. Lo stesso non si può dire per la Calabria: immunità di gregge (quindi 80% di copertura dei vaccinabili) solo il 23 settembre e terzo peggior rapporto (dopo Bolzano e la Sicilia) per inoculazioni ogni 100mila abitanti.

Sardegna

Campagna vaccinale a rilento anche in Sardegna (come la Sicilia a rischio zona gialla): basando la proiezione sulla media degli ultimi sette giorni l’obiettivo 80% verrebbe centrato già il 13 settembre. Ma con le prenotazioni registrate fino ad oggi la data slitterebbe ad ottobre. Secondo i dati di Ats Sardegna nella piattaforma di prenotazione di Poste sono presenti attualmente 225.871 prenotazioni, delle quali circa 146mila sono richiami, mentre le prime somministrazioni ammontano a 79.631. L’ultimo slot disponibile è il 15 ottobre, ma alla maggior parte delle persone è stato dato un appuntamento entro fine settembre.

Le Regioni virtuose

La Lombardia sarebbe la prima a tagliare il traguardo: l’immunità di gregge verrebbe assicurata già a fine agosto (il 27). Poco dopo lo stesso risultato verrebbe centrato anche nel Lazio. Con la media dell’ultima settimana si può ipotizzare il 5 settembre ma l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato ha detto che la Regione - pur colpita da un attacco hacker che ha bloccato il sistema di prenotazioni e vaccinazioni per alcuni giorni - conta di arrivare all’obiettivo entro la fine di agosto. In Puglia all’obiettivo si arriverebbe nei primi giorni di settembre. Lombardia, Lazio e Puglia sono le regioni dove più alto è il numero di vaccini somministrati ogni 100mila abitanti.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti