e-commerce

Occhiali, Safilo acquista la californiana Blenders Eyewear

La società italiana rafforza il business sul mercato americano rilevando una società giovane, nata nel 2012, e fortemente digitalizzata

di Redazione Economia


default onloading pic
(Adobe Stock)

2' di lettura

Safilo scende in campo nel risiko globale dell’occhialeria con l’acquisto del 70% della californiana Blenders Eyewear, valutata complessivamente 90 milioni di dollari: la quota è stata rilevata direttamente dal giovane fondatore e proprietario dell’azienda, Chase Fisher, che rimarrà ceo della società di San Diego. Chase Fisher manterrà la proprietà della rimanente partecipazione pari al 30% delle quote che sarà soggetta ad usuali opzioni put e call reciproche a partire dal 2023: questo potrebbe permettere all’azienda veneta di rafforzare ulteriormente la propria presenza nel capitale a medio termine. Con questa operazione Safilo rafforza il business in Nord America che già vale un terzo dei suoi ricavi totali.

Forte del rinnovo anticipato dell’accordo per la produzione e fornitura di montature da sole e da vista a marchio Gucci, maison di punta di Kering , Safilo finanzierà l’acquisizione con disponibilità di cassa e linee di credito, e tramite un finanziamento da parte di Multibrands Italy, azionista di riferimento di Safilo, controllato da Hal Holding, per un importo di 30 milioni di euro, che verrà erogato in prossimità del closing dell'operazione.

Ecosistema digitale
La quasi totalità dei ricavi (il 95%) di Blenders arriva dalla piattaforma e-commerce per la vendita degli occhiali in stile californiano. Blenders Eyewear «arricchirà il nostro portafoglio di marchi di proprietà apportando un business innovativo e in rapida crescita, incentrato su ecommerce, D2C e omni-channel, focalizzato sugli Stati Uniti, che restano per noi un mercato chiave». Così Angelo Trocchia, ad di Safilo, ha commentato l’acquisizione: «Blenders - ha aggiunto - è ancorato all’ecosistema digitale e sta riscuotendo un notevole successo sui social media. Con Blenders ci prefiggiamo di accelerare la nostra strategia di e-commerce e omni-channel, sfruttando il Dna digitale di quest'azienda, la notorietà del marchio tra le nuove generazioni e le comprovate competenze del suo team che, coniugate con le capacità di Safilo, ne consentiranno una rapida espansione a livello globale».

Stile Millennials

Nel 2019 Blenders Eyewear, fondata nel 2012, prevede di realizzare vendite nette per circa 42 milioni di dollari, tutte negli Usa (+40% sul 2018), con una tasso di crescita (cagr) a 3 anni del 175%. Gli occhiali Blenders Eyewear, spiega Safilo, «si ispirano allo stile di vita attivo della California», con un prodotto caratterizzato da un buon rapporto qualità/prezzo che attira l'attenzione in particolare di Millennials e Generazione Z.

Fondata a San Diego nel 2012, Blenders Eyewear ha lanciato prima la piattaforma e-commerce e, solo in un secondo momento, ha aperto il suo primo flagship store a San Diego.

Il prezzo concordato per l'operazione è considerato «elevato» dagli analisti di Equita Sim,in quanto la valutazione dell'azienda di San Diego è di oltre il doppio i ricavi 2019: «Si tratta di un’iniziativa di crescita interessante, ma a nostro avviso il tema principale per il gruppo, anche in vista del piano industriale, rimane la gestione della ristrutturazione della capacità manifatturiera italiana per effetto dell’uscita dal portafoglio marchi delle licenze del gruppo Lvmh».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...