ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa nave umanitaria a Tolone

Ocean Viking, Francia nega l’ingresso a 123 migranti su 234

La nave umanitaria dell’Ong Sos Méditerranée ha attraccato lo scorso 11 novembre a Tolone

Piantedosi: Ocean viking si è diretta in Francia autonomamente

2' di lettura

Sui 234 naufraghi sbarcati a Tolone dalla nave umanitaria Ocean Viking 123 sono oggetto di un “rifiuto d’ingresso” in Francia: è quanto afferma il ministero dell’Interno di Parigi. La nave dell’Ong Sos Méditerranée ha attraccato lo scorso 11 novembre a Tolone, in Francia, paese il cui governo nelle ultime ore si è scontrato con quello italiano sull’accoglienza dei migranti. Ma dove ora lo stesso esecutivo viene contestato dall’estrema destra per aver accettato lo sbarco.

Eliseo: dall’Italia brutto gesto ma cooperazione continua

Intanto sul caso dei migranti della Ocean Viking l’Eliseo evoca “un brutto gesto” da parte del governo italiano , ma sottolinea che «l’importante è continuare la cooperazione e non fermarsi qui. Le persone sbarcate a Tolone saranno detratte dal numero che accogliamo quest’anno» nell’ambito del meccanismo di solidarietà “con l’Italia”, viene indicato nell’entourage del presidente Emmanuel Macron.

Loading...

L’accoglienza della Germania e gli attacchi a Macron

La Germania è stata la prima ad aderire alla “solidarietà europea” chiesta da Parigi, accettando un terzo dei migranti arrivati sulla nave. I 234, fra i quali 57 bambini sono stati accompagnati nel centro di accoglienza delle Casse di Attività sociale. Mentre il polemista di estrema destra Eric Zemmour, giunto a Tolone per contestare l’accoglienza dei migranti, ha ribadito che «i migranti devono tornare al loro paese» e non «invadere» la Francia e l’Europa, Marine Le Pen è tornata all’attacco di Macron: «Il nostro Paese, attraverso la voce del suo presidente, ha ceduto. È quindi l’inizio, penso, di una serie di navi di Ong». «Queste navi che mettono in sicurezza i migranti salvati in mare - ha aggiunto - devono riportarli nel loro porto di origine».

La cooperazione europea

Intanto, mentre Berlino confermava la volontà di prendere 80 migranti del gruppo di 234, il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin esprimeva in un tweet tutta la sua gratitudine ai partner europei: «In questo momento, 11 Stati europei si sono già impegnati a ricollocare 175 dei 234 passeggeri dell’Ocean Viking. La Francia può contare sull’appoggio dei suoi partner. Li ringraziamo calorosamente. La solidarietà europea è un successo».

Gli attriti con l’Italia

Tutt’altra atmosfera rispetto a quella che si respira nei rapporti con l’Italia: bloccato al momento il processo di ricollocamenti così come era previsto finora, Parigi ha rafforzato i controlli ai confini italo-francesi su «una decina di punti di passaggio», con l’impiego di 500 poliziotti e gendarmi in più . Sono pattugliati e “blindati” stazioni, strade secondarie vicino a Mentone, a Sospel e Breil-sur-Roya, l’autostrada A8 e perquisizioni palmo a palmo vengono effettuate alla stazione ferroviaria di Mentone per i treni che arrivano da Ventimiglia.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti