le ristrutturazioni e il requisito dell'impianto

Ok al superbonus per le vecchie case riscaldate con il camino

L’ecobonus al 110% è ammesso solo negli edifici già dotati di impianto di riscaldamento: che potrebbe anche essere una stufa fissa o un caminetto

di Alessandro Borgoglio

Guida al bonus edilizia: ecco i tetti di spesa (e quali lavori sono consentiti)

L’ecobonus al 110% è ammesso solo negli edifici già dotati di impianto di riscaldamento: che potrebbe anche essere una stufa fissa o un caminetto


3' di lettura

Anche la vecchia casa di campagna può trovare una nuova vita grazie al superbonus del 110%, sebbene non sia dotata di un moderno impianto di riscaldamento.

L’agenzia delle Entrate ha più volte puntualizzato che, per tutti gli interventi dell’ecobonus ordinario (oggi al 50 o 65%, un tempo al 55%), ad eccezione della installazione dei pannelli solari, i lavori sono agevolabili solo se eseguiti su edifici già dotati di impianto di riscaldamento, presente anche negli ambienti oggetto dell’intervento (circolare 36/E/2007, punto 2).

Che cosa si intende, però, per impianto di riscaldamento? Secondo l’Enea bisogna rifarsi alla definizione di cui al punto l-tricies del comma 1 dell’articolo 2 del Dlgs 192/2005 (Faq Ecobonus 9.D). Fino al 10 giugno 2020, tale norma disponeva che l’impianto termico è un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore, nonché gli organi di regolarizzazione e controllo; non sono considerati impianti termici apparecchi quali stufe, caminetti, apparecchi per il riscaldamento localizzato a energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 5 kW.

L’11 giugno scorso è però entrato in vigore il Dlgs 48/2020, che ha modificato la norma citata. Pertanto, per gli interventi realizzati a partire da tale data, si applica la nuova definizione di “impianto termico” : «impianto tecnologico fisso destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, o destinato alla sola produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione, accumulo e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolazione e controllo, eventualmente combinato con impianti di ventilazione. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate».

Le vecchie case molto spesso non hanno veri e propri impianti di riscaldamento, ma frequentemente sono dotate di caminetti, termocamini e stufe a legna o a pellet (se più moderne). Ebbene, grazie alla nuova definizione normativa di impianto termico in vigore dall’11 giugno 2020, tutti questi apparecchi sono ora considerati “impianto di riscaldamento”, e anche la vecchia casa può accedere al superbonus del 110% di cui all’articolo 119 del Dl 34/2020.

I requisiti e i possibili problemi

Come ricorda l’Enea, però, il prerequisito per accedere alle detrazioni è sempre il conseguimento di un risparmio energetico e questo è difficile da raggiungere nella dismissione di impianti a biomassa (come la legna da ardere), in quanto questa è considerata fonte fossile solo al 30% (Faq Ecobonus 9.D e 10.D): in sostanza, l’Ape con gli impianti a biomassa dà normalmente luogo a una classe energetica più alta, ad esempio, di quella risultante con una caldaia standard.

Per il 110% è addirittura necessario un salto di due classi energetiche dell’edificio (articolo 119, comma 3, del Dl 34/2020) da prima a dopo gli interventi, per cui la sola installazione di un moderno impianto di riscaldamento, magari con pompa di calore, potrebbe non essere sufficiente e sarà perciò necessario mettere in conto quantomeno anche il cappotto termico.

Resta, poi, il problema dell’Ape: in presenza di camini e stufe a legna, il calcolo da parte dei tecnici potrebbe non essere così semplice, richiedendo il ricorso a calcoli standard e simulazioni.

Articolo modificato il 4 agosto 2020 per correggere la definizione di “impianto termico” alla luce del recente Dlgs 48/2020

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti