ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCrescita record

Oleificio Zucchi investe in sostenibilità. Export +135% e 250 milioni di fatturato

La storica azienda cremonese autoproduce il 90% del fabbisogno energetico e un codice Qr su ogni bottiglia traccia il percorso dell’olio extravergine dal campo alla tavola

di Giovanni Uggeri

Crisi olio, Unaprol: Ue abbassi livello acidità extravergine

2' di lettura

Si chiudono cinque anni d’oro per lo storico oleificio Zucchi fondato nel 1810. Nel 2016 il giro d’affari era di 188 milioni e oggi ha superato i 250 milioni, nello stesso periodo le esportazioni sono aumentate del 135%. Il peso dell’export sul fatturato è così passato in dal 16% (2016) al 36% nel 2021. È una tipica storia di imprenditoria italiana quella dell’oleificio Zucchi che in questi anni ha tagliato un altro grande traguardo: nel 2019 sotto la conduzione di Alessia Zucchi ha concluso la riacquisizione dell’intero pacchetto di azioni di minoranza ed oggi l'azienda è al 100% controllata dalla famiglia. Una importante operazione per il brand visto che l’azienda, fondata nel lodigiano e poi trasferita a Cremona, appartiene alla famiglia da oltre 210 anni e sei generazioni.

Con la Divisione Consumer, Oleificio Zucchi produce e distribuisce oli da olive e da semi sia a marchio proprio (principalmente con il brand Zucchi) sia a marchio privato, per le più importanti aziende della grande distribuzione e per la ristorazione, mentre con la Divisione Bulk è fra i principali fornitori di oli sfusi per l’industria alimentare.

Loading...

«La nostra idea di olio – spiega Alessia Zucchi – nasce dalla necessità di garantire prodotti sostenibili e di altissima qualità, per mantenere una solidità sul mercato italiano e continuare a far crescere l’export. Per farlo dobbiamo necessariamente abbandonare la visione romantica del settore oleario e lavorare per fare sistema, portando sul campo nuove tecnologie. Il panorama olivicolo e oleario italiano è molto complesso perché estremamente frammentato. L’evoluzione del comparto potrà proseguire solo attribuendo centralità alle relazioni, come quelle instaurate tra gli attori della nostra filiera Evo che hanno deciso di lavorare insieme per garantire standard di qualità e sostenibilità».

In questi cinque anni sono stati dedicati investimenti per 21 milioni all’innovazione e alla sostenibilità come il completamento dell’impianto di Trigenerazione, che si è aggiunto all’esistente impianto di cogenerazione e che permette all’azienda di autoprodurre il 90% del fabbisogno di energia elettrica necessario alla produzione. «Tre milioni sono stati dedicati a impianti di monitoraggio – spiega Zucchi – per le linee produttive oltre al completamento dei serbatoi Oliva 4 che popolano la più grande cantina dell’olio condizionata in Italia (16° gradi costanti), in grado di conservare circa 4.800 tonnellate di olio extravergine mantenendone inalterate le caratteristiche organolettiche. I recenti investimenti hanno permesso anche la riduzione di oltre il 50% dell’olio residuo nel processo di filtrazione delle olive e l’abbattimento di 1.200 ton/anno di rifiuti che vengono convertiti in materiale utile nel settore cementizio».

Oleificio Zucchi oltre all’investimento da parte dell’azienda a tutela dell’ambiente cominciato 16 anni fa con i primissimi bilanci di sostenibilità, sotto il mandato di Alessia Zucchi ha portato a completamento anche il progetto Filiera 4.0 che grazie all’innovazione digitale permette di tracciare l’olio evo lungo tutta la filiera, dal campo alla bottiglia (il QRcode riportato in etichetta ai dati, relativi alla specifica bottiglia). «Grazie a questa certificazione la Oleificio Zucchi è stata la prima nel mercato italiano a poter proporre un olio di oliva extra vergine certificato sostenibile e completamente tracciato dall’origine alla tavola».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti