ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùI giochi di Milano e Cortina del 2026

Olimpiadi invernali: Michele Uva il nome favorito, ma in Lombardia c’è tensione

Il dirigente sportivo è il nome scelto dal governo. D’accordo il Comune di Milano, la Regione Lombardia fa resistenza (preferendo Scaroni). Oggi la riunione

di Sara Monaci

Olimpiadi Milano-Cortina daranno ancora più forza a turismo veneto

2' di lettura

Il nome che incontra il favore del governo e degli enti locali come nuovo ad della Fondazione Milano e Cortina 2026 è quello di Michele Uva, che dovrebbe traghettare le città, le due regioni coinvolte - Lombardia e Veneto - e la province autonome di Trento e Bolzano verso le Olimpiadi invernali (l’hockey, lo short track e il pattinaggio di figura si terrano a Milano).

Michele Uva è il nome favorito per la sostituzione di Vincenzo Novari, che fino a qui ha cercato di portare avanti il lavoro sul fronte delle sponsorizzazioni. Questo il nome che è stato comunicato agli enti locali e alle Regioni. Palazzo Marino ha dato il suo parere favorevole, ma ieri sera la Regione Lombardia ha espresso la sua contrarietà.

Loading...

Così, anche se i giochi sembravano fatti, il dibattito si riapre nella giornata di oggi con una nuova riunione. Va comunque ricordato che senza il Dpcm che nominerà il nuovo ad non sarà possibile andare avanti con l’attività della Fondazione.

Oltre a Uva, tornano in pista i nomi di Paolo Scaroni, presidente del Milan, e di Alessandro Profumo, ad di Leonardo. Scaroni ha dichiarato al Sole 24 Ore che non è intenzionato a lasciare il Milan (quindi in tal caso dovrebbe sommare le due attività).

L’obiettivo indicato sul bilancio sarebbe di circa 500 milioni in arrivo da aziende e sponsor (un terzo del bilancio complessivo della fondazione), di cui al momento le trattative in corso riguarderebbero contratti per un totale di 280 milioni. Gli accordi concretamente sottoscritti ammontano però a 18 milioni. Ovviamente la situazione si è complicata negli anni, prima per colpa del Covid e adesso per via dei maggiori costi energetici dovuti alla guerra tra Russia e Ucraina.

Uva è un dirigente sportivo, classe 64. Direttore di Football& Social Responsability della Uefa, è stato anche amministratore delegato di Coni Servizi, presidente della Lega pallavolo Serie A Femminile e vicepresidente della Uefa.

Nel suo curriculum spicca il ruolo di dg nel Parma calcio dal 1996 al 2001; poi dal novembre 2002 stato vicepresidente e ad della Lazio.

Nella fondazione Milano Cortina 2026 è entrato il Mef con un ruolo di rilievo, condividendo la governance sempre con gli enti locali. Erano stati proprio questi ultimi - in particolare il governatore della Lombardia Attilio Fontana e il sindaco di Milano Giuseppe Sala - a chiedere al governo un cambio di passo. Questa decisione è uno degli ultimi atti dell’esecutivo guidato da Mario Draghi, che nel decreto Aiuti bis aveva già inserito, a inizio agosto, la partecipazione del Mef nella società delle Olimpiadi.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti