History telling

Olivetti, la serie podcast che racconta la Silicon Valley (mancata) di Ivrea

Avanti di decenni in tecnologia e welfare aziendale, la Olivetti anni ’50 aveva le carte in regola per diventare una Apple. Ma la Storia è andata diversamente...

di Andrea Franceschi

2' di lettura

Più welfare aziendale, più investimenti in tecnologia, più innovazione e un maggior coinvolgimento dei giovani. Nella lista delle cose da fare per rilanciare l'economia italiana, col freno a mano tirato da decenni, queste parole d'ordine sono ricorrenti.
Eppure in questa Italia che cresce a passo lento, dove l'età media avanza e le aziende combattono tutti i giorni con la burocrazia non sono mancati i visionari e gli innovatori. Come Adriano Olivetti, di cui lo sorso 11 aprile si sono festeggiati i 120 anni dalla nascita.

La nuova serie podcast

Su welfare aziendale, tecnologia, giovani e non solo, Olivetti è sempre un passo avanti. A lui e alla storia della Olivetti (prima e dopo la sua morte) Il Sole 24 Ore dedica una nuova serie in podcast online sul sito e su tutte le piattaforme di streaming da domenica 25 aprile. La serie, dal titolo Olivetti, l’occasione perduta, è firmata da Paolo Colombo, ordinario di Storia delle Istituzioni Politiche all'Università Cattolica di Milano. Quello su Olivetti è il secondo podcast della serie “history telling” dopo quello dedicato a John Fitzgerald Kennedy uscito a novembre 2020.

Loading...

La mancata rivluzione hi-tech made in Italy

«La serie - spiega Colombo - vuole raccontare un imprenditore fuori dagli schemi la cui concezione di azienda va oltre la mera logica della produzione e del profitto. È un'azienda che mette al centro sicuramente l'innovazione e il prodotto. Ma anche la vita delle persone. Con misure di welfare aziendale estremamente innovative per i tempi». Un esempio? «Il regolamento assistenza lavoratrici Olivetti che prevede nove mesi di maternità e assistenza per madri e figli contro i due previsti per legge.O l'assistenza medica che viene estesa anche alle sindromi depressive».

Ma la storia di Olivetti è anche quella della mancata rivoluzione hi-tech italiana: «La necessità di fronteggiare i problemi finanziari alla morte di Adriano spingerà a mettere da parte i settori più innovativi come l'elettronica. E a noi oggi non resta che immaginare che Paese saremmo potuto diventare se la Storia avesse preso un altro corso».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti