in calo del 18% rispetto al 2018

Oltre 22mila ricorsi all’Arbitro bancario finanziario, il 48% legati alla cessione del quinto

Costo: 20 euro di contributo per le spese. Se l’istanza è accolta, la somma viene rimborsata dall’intermediario, che è tenuto anche a corrispondere a Bankitalia 200 euro

di Nicoletta Cottone

Arbitro bancario finanziario: su 22mila ricorsi il 48% è per la cessione del quinto

Costo: 20 euro di contributo per le spese. Se l’istanza è accolta, la somma viene rimborsata dall’intermediario, che è tenuto anche a corrispondere a Bankitalia 200 euro


2' di lettura

La quantità maggiore di ricorsi all’Arbitro bancario finanziario riguarda l’estinzione anticipata dei finanziamenti contro cessione del quinto di stipendio o pensione. Rappresentano il 48% delle controversie ricevute dall’Arbitro bancario finanziario nel 2019, anche se in calo del 39% rispetto all’anno precedente.

Ricorsi in calo

Giunto al decimo anno di attività, nel 2019 l’arbitro ha ricevuto 22.059 ricorsi, con una riduzione rispetto al 2018 del 18%, legata anche, spiega la relazione, «al riconoscimento da parte degli intermediari già nella fase del reclamo dei diritti dei clienti, in linea con le indicazioni di Vigilanza e con gli orientamenti dei Collegi» dell’arbitro bancario finanziario. In totale lo scorso anno i collegi, composti da professionisti con elevate competenze giuridiche, economico-finanziarie, indipendenti dalla Banca d'Italia, ha preso 27.346 decisioni (-18% rispetto al 2018).

Cosa è l’arbitro

L’arbitro bancario finanziario è un sistema di risoluzione stragiudiziale per le controversie in materia bancaria e finanziaria.É uno strumento più rapido nel dare una risposta rispetto ai tempi della giustizia ordinaria. Per attivarlo non serve il supporto di un legale, ma basta presentare l’istanza online attraverso un portale ad hoc. Decide su servizi bancari, finanziari e di pagamento per importi fino a 100mila euro se si chiede una somma di denaro. Nessun limite di importo sesi chiede l’accertamento di diritti, obblighi e facoltà. L’arbitro è competente per le controversie su operazioni e comportamenti successivi al 1° gennaio 2009.

Relazione sull'attività dell'Arbitro bancario finanziario

Visualizza

Sette collegi in Italia

Sono sette i collegi in Italia: Roma, Milano, Napoli, Bari, Bologna, Palermo e Torino, che decidono in base al domicilio dei clienti. Ogni collegio è formato da cinque membri, nominati dalla Banca d’Italia. Si tratta del presidente e di due membri designati da Bankitalia, di un componente individuato dall’associazione degli internediari (Conciliatore bancario finanziario) e di un membro designato dalle associazioni che rappresentano i clienti.

Il costo del ricorso

Il ricorso costa 20 euro di contributo per le spese della procedura. Denaro che viene rimborsato dall’intermediario se il ricorso viene accolto, anche in parte. Se il cliente, dopo aver pagato i 20 euro decide di non presentare il ricorso, può chiedere il rimborso. L’intermediario è tenuto a corrispondere alla Banca d’Italia 200 euro se il ricorso del cliente è accolto, totalmente o parzialmente.

GLI OGGETTI DELLE CONTROVERSIE
Loading...

Durata media della procedura

La durata media della procedura nel 2019 è stata di 209 giorni, con un miglioramento rispetto agli anni precedenti. Nel 2017, per esempio, la durata media era 261 giorni. E, secondo il report, ci sono margini per una riduzione ulteriore, concentreremo gli sforzi di tutti gli attori per ridurre i tempi di risposta ai clienti.

In 10 anni adoittate 132mila decisioni

In dieci anni di vita l’Arbitro ha ricevuto 146mila istanze e ha adottato circa 132mila decisioni. Il tasso di adesione degli intermediari alle decisioni dei Collegi è prossimo al 100 per cento. Soltanto negli ultimi quattro anni, ai ricorrenti sono stati riconosciuti più di 83 milioni di euro.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti