L’ANNIVERSARIO

Omicidio Biagi, Mattarella: ferita aperta ma terrorismo esce sconfitto

di Redazione Roma

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella (foto Reuters)

2' di lettura

L’assassinio del giuslavorista Marco Biagi, ucciso dalle Nuove Brigate Rosse il 19 marzo del 2002, è una ferita aperta, ma il terrorismo esce sconfitto. Il giorno del sedicesimo anniversario dell’omicidio, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricordato che «sono trascorsi sedici anni dal crudele agguato in cui venne ucciso Marco Biagi e la ferita inferta dai terroristi assassini è ancora aperta nella nostra comunità civile».

Il terrorismo è stato sconfitto grazie all’unità del popolo italiano
«In questa giornata - ha aggiunto il capo dello Stato - desidero rinnovare la mia vicinanza e la mia solidarietà alla signora Marina Orlandi Biagi, ai familiari, agli amici, ai colleghi, a quanti hanno continuato in questi anni a sviluppare i temi della ricerca di Biagi, approfondendo e ampliando il confronto, cercando soluzioni positive alle domande poste dai mutamenti profondi del lavoro e dei mercati, tentando di tenere insieme le esigenze di competitività del sistema con i principi costituzionali di equità e di giustizia sociale». Mattarella ha ricordato che «il terrorismo è stato sconfitto irrevocabilmente nella coscienza popolare, grazie all’unità del popolo italiano. Nel loro assalto all’ordinamento e alla convivenza civile, i terroristi hanno spezzato con disumanità tante vite e provocato immense sofferenze, ma non sono riusciti a disgregare la società e a colpire la Costituzione, che resta il fondamento della Repubblica».

Loading...

Coraggio Biagi testimonia solidità democrazia e libertà in Italia
«Il coraggio di uomini come Marco Biagi - ha concluso -, il quale non ha rinunciato ai propri convincimenti, né alla libertà di collaborare con le istituzioni, nonostante mani omicide avessero già barbaramente colpito altri docenti universitari, come Ezio Tarantelli, Roberto Ruffilli e Massimo D’Antona, testimonia la solidità dei sentimenti di democrazia e libertà nel nostro Paese, contro ogni sopraffazione».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti