Colpa medica

Omicidio colposo per l’ostetrica: il feto nel travaglio è una persona

di Patrizia Maciocchi


default onloading pic
(Fotogramma)

2' di lettura

L’ostetrica che provoca la morte del feto durante il travaglio risponde di omicidio colposo e non di aborto colposo. Perché il feto nascente è una persona. E i reati di omicidio e infanticidio tutelano lo stesso bene giuridico: la vita umana nella sua interezza. Con questi argomenti la Cassazione (sentenza 27539) ha confermato la condanna, a nove mesi con pena sospesa, per omicidio colposo a carico di un’ostetrica, colpevole di non aver monitorato attentamente il battito cardiaco e di aver somministrato alla madre l’ossitocina per aumentare le contrazioni.

Un verdetto che tiene conto dell’evoluzione della legge e giurisprudenza, anche sovranazionale, che si è mossa in un’ ottica «di totale ampliamento della tutela dei diritti della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepito si è poi estesa fino all’embrione» e dunque al feto benché ancora nell’utero. I giudici attirano l’attenzione sull’articolo 578 del Codice penale sull’infanticidio che punisce per omicidio la madre che «cagiona la morte del figlio, immediatamente dopo il parto o del feto durante il parto».

La sentenza

Visualizza

Una mancata distinzione non casuale, ma in linea con l’intento del legislatore di riconoscere al feto qualità di uomo. Per la Suprema corte non deve confondere l’uso, nel dettare la norma, del termine feto: è, infatti, usato impropriamente «perché il nascente vivo non è più feto né in senso biologico né in senso giuridico, bensì una persona» . La logica conclusione è che se «in un parto, naturalmente o provocatamente immaturo», il nascente è «un essere vivo la sua uccisione volontaria costituisce omicidio o feticidio, qualunque sia stata la durata della gestazione». Prima di questo limite «la vita del prodotto del concepimento è tutelata da un altro reato: il procurato aborto». Su questi presupposti cade la tesi della difesa che tendeva alla più mite condanna per aborto colposo. Per i giudici pesa anche la condotta della ricorrente che, malgrado la difficile situazione, rassicurava il ginecologo dicendo che tutto procedeva regolarmente, ignorando i segnali di sofferenza del bambino. Mentre delle giuste manovre avrebbero evitato che il bimbo nascesse già morto per asfissia. Per la Suprema corte «la tutela della vita non può soffrire lacune». La protezione comprende dunque anche il tempo del passaggio dal grembo materno alla vita extrauterina.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...