I piani

Opel aspira al raddoppio dei modelli elettrici

Entro il 2024 tutte le auto della casa di Rüsselsheim avranno un gemello alla spina

di Giulia Paganoni

default onloading pic

Entro il 2024 tutte le auto della casa di Rüsselsheim avranno un gemello alla spina


3' di lettura

«Opel goes electric». Questa la promessa contenuta nel piano battezzato PACE del marchio di Rüsselsheim appartenente al gruppo Psa che entro il 2024 offrirà una variante elettrificata per ogni modello della gamma. L’apparenza al mondo Psa (Peugeot, Citroën e Ds) sicuramente da dato un boost nel fornire conoscenze importanti al fine di aggiornare la ricerca e sviluppo e proporre veicoli più in linea con le tendenze attuali. Ricordiamo infatti che la nuova Corsa ha molto in comune con la nuova generazione di Peugeot 208 e Ds3 Crossback E-Tense (e la nuova Citroën C4). Non ultimo, tutte le tre adottano la stessa piattaforma multienergia e-Cmp (Common Modular Platform) e condividono la tecnologia di trazione elettrica da 100 kW (136 cv) alimentato da una batteria agli ioni di litio da 50 kWh che garantisce un’autonomia di oltre 300 chilometri. Tra i modelli elettrificati, si affianca Grandland X ibrida plug-in, la prima vettura ibrida plug-in di Opel ed è disponibile sia in versione a trazione integrale che anteriore. Con un powertrain benzina 1.6 turbocompresso e un motore elettrico, Opel Grandland X Hybrid produce una potenza di sistema di 165 kW (224 cv) e fino a 360 Nm di coppia. Guidando in modalità elettrica, si possono percorrere fino a 57 km nel ciclo Wltp.

Infine, novità proprio di queste settimane, la nuova Mokka-e, secondo veicolo 100% alla spina del marchio e realizzata sul pianale e-Cmp. Esteticamente mostra ora uno stile inedito e molto muscoloso con una buona presenza su strada. La trazione, oltre ai motori termici (diesel e benzina), è data anche da una variante elettrica. Ad alimentare il motore da 136 cv (100 kW) ci sono delle batterie da 50 kWh (sistemate sotto il pavimento per non sottrarre spazio al bagagliaio) che si possono ricaricare da colonnine pubbliche da 100 kW in 30 minuti per l’80%.

Loading...

In arrivo il prossimo anno la versione elettrificata di Astra.

L’offensiva di Opel nel campo dell’elettrificazione comprende anche i veicoli commerciali: Combo sarà disponibile presso i concessionari dal prossimo anno. E il nuovo Vivaro-e sarà consegnato già dal in autunno. Il prossimo anno, invece, sarà il turno di Combo Life elettrificato. Infine, anche l’annuncio di Opel Movano elettrico segna il prossimo passo nella continua spinta di Opel verso la mobilità elettrica e la riduzione di emissioni di CO2. Quest’ultimo tema è molto caro alle case automobilistiche che si stanno mettendo all’opera per rispettare le norme imposta da UE. Dal canto suo, il marchio del fulmine ha già ridotto la media di emissioni della sua flotta di 20 grammi nel 2019 rispetto al 2018. In più, nella prima metà del 2020, Opel è riuscita a ridurre le emissioni di CO2 dei sui veicoli in Germania di 13.5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, la maggiore riduzione di tutti i costruttori con almeno il 2% di quota di mercato.

In ottica di riduzione dei costi, insieme al gruppo Psa e Total, attraverso la sua controllata Saft, Opel ha firmato un accordo per la creazione della joint venture “Automotive Cells Company”. Con questa partnership, le parti stanno creando un attore di livello mondiale nello sviluppo e nella produzione di batterie ad alte prestazioni per l’industria automobilistica a partire dal 2023. Il centro di Ricerca e Sviluppo di Bordeaux e il sito pilota di Nersac (Francia) hanno già iniziato a sviluppare le nuove tecnologie ad alte prestazioni agli ioni di litio. Alla fine della fase di Ricerca e Sviluppo, la produzione è stata pianificata per il lancio in due “gigafabbriche”, a Douvrin (Francia) e Kaiserslautern (Germania).

Per di più, la casa automobilistica di Rüsselsheim ha già installato 350 punti di ricarica per la sua flotta di veicoli elettrici nella sua città natale

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti