TEST DRIVE

Opel Insignia: ecco com'è, come va e quanto costa la nuova serie

L'aggiornamento dell'ammiraglia Opel non poggia tanto sul look quanto su una revisione tecnologica, che culmina nell'adozione di nuove motorizzazioni. Sono più efficienti delle precedenti, ma non si fanno contagiare in alcun modo dall'elettrificazione

di Massimo Mambretti

default onloading pic

L'aggiornamento dell'ammiraglia Opel non poggia tanto sul look quanto su una revisione tecnologica, che culmina nell'adozione di nuove motorizzazioni. Sono più efficienti delle precedenti, ma non si fanno contagiare in alcun modo dall'elettrificazione


3' di lettura

La famiglia dell'Insignia è tutta nuova, ma non lo fa vedere molto perché le novità più importanti sono al massimo integrate nei lineamenti, appena appena ritoccati, e sotto le vesti. Infatti, l'operazione rinnovamento è rivolta alla riduzione dei consumi e delle emissioni senza ricorrere all'ibridizzazione della specie, proprio come quella da cui è scaturita l'attuale serie dell'Astra. Anch'essa al pari dell'Insignia è ancora una discendente dell'era pre-Psa.

Opel Insignia, due motori a benzina e altrettanti turbodiesel
Nel rinnovamento dell'Insignia non rientra nessun tipo di elettrificazione. In controtendenza rispetto ai canoni attuali, il miglioramento dell'efficienza generale poggia completamente su motorizzazioni tradizionali. Sono tutte recentissime ma non provengono all'area Psa, bensì da quella Opel. L'unità che rappresenta meglio l'ottimizzazione del rapporto efficienza-prestazioni eme è il tre cilindri turbodiesel di 1,5 litri con 122 cavalli, compatto e leggero promette percorrenze di 21,7 chilometri con un litro emettendo 100 g/km di CO2. Rimanendo nel campo del gasolio c'è poi un 2 litri con 174 cavalli, abbinabile anch'esso al cambio automatico a otto rapporti anziché al manuale con sei marce, in grado di coprire mediamente 20 chilometri con un litro che emette 113 G7Km di CO2. Il cambio automatico della nuova generazione a basso attrito ha, invece, nove marce quando s'interfaccia con il 2 litri sovralimentato con disattivazione di due cilindri ai carichi parziali. Questa unità è proposta nelle varianti da 200 e 230 cavalli nel caso dell'Insignia Gsi a trazione integrale, che perde una trentina di cavalli rispetto alla precedente per ingerire meno benzina. Così, l'Insignia più cattiva percorre 12 chilometri con un litro(156 g/m di CO2) mentre quella meno potente ne copre 13,3 emettendo 146 G7Km di CO2.

Loading...

Opel Insignia, aerodinamica affinata e smart-tecnologie più numerose
Le rinnovate Insignia Grand Sport, ovvero berlina a cinque porte, e famigliare Sports Tourer si distinguono dalla precedenti, soprattutto, anteriormente perché s'ispirano alla nuova Corsa, grazie ai nuovi gruppi ottici full Led, o a richiesta per alcune versioni a matrice attiva IntelliLux Led Pixel, e alla mascherina ridisegnata, oltre che con apertura automatica della griglia per ottimizzare l'aerodinamica. Un risultato a cui concorre anche l'affinamento del sottoscocca. Posteriormente, invece, la novità principale è costituita dallo scudo paraurti ridisegnato, al pari di quello anteriore. Nell'abitacolo si notano rivestimenti e abbinamenti cromatici inediti, una nuova selleria ergonomica e il caricatore wireless per smartphone. Le Insignia imbarcano anche nuove tecnologie che arricchiscono i sistemi di ausilio alla guida e di sicurezza grazie anche alla telecamera posteriore digitale, oltre l'infotanment che integra le compatibilità Apple CarPlay e Android Auto con display da 7”, che cresce a 8” con il Multmedia con navigazione predittiva.

Opel Insignia, le foto della serie rinnovata

Opel Insignia, le foto della serie rinnovata

Photogallery11 foto

Visualizza

Opel Insignia, come va la Sports Tourer 2.0 turbodiesel
La nuova serie dell'Insignia famigliare con il turbodiesel con 174 cavalli e 350 Nm di coppia abbinato al cambio automatico è comoda e gradevole da guidare. Il nuovo motore emana una piacevole verve, grazie all'erogazione fluida sin dai regimi più bassi sostenuta dal buon lavoro del cambio e all'incisività delle spinte che fornisce quando è sollecitato, specie utilizzando il settaggio sportivo. A queste buone qualità contrappone, però, un tonalità un po' elevata in accelerazione e a freddo, che ridimensiona un po' l'apprezzabile del confort determinato soprattutto dalla capacità delle sospensioni di assorbire con gradualità le irregolarità della strada e della silenziosità alle velocità costanti. Nonostante la lunghezza che rasenta i 5 metri e la massa che sfiora i 1.600 kg, questa Insignia si rivela ben più agile delle aspettative, oltre che equilibrata in ogni frangente. A fronte di questo comportamento, nel test essenzialmente svolto su strade extraurbane e come al solito utilizzando i vari settaggi di configurazione, abbiamo registrato una percorrenza media di 13,5 chilometri con un litro di gasolio.

Opel Insignia, versioni e prezzi
Le Insignia 2020 sono offerte negli allestimenti Business Edition, Business Elegance e Ultimate a prezzi che partono da 34.500 euro nel caso delle versioni Grand Sport e di 35.500 euro in quello delle Sports Tourer. Per le sportive Gsi con la trazione sono richiesti, invece, 48.000 euro nel caso della berlina e 49.000 euro in quello della famigliare. Entrambe di serie sono a trazione integrale, disponibile anche per la turbodiesel più potente in alternativa a quella anteriore. L' equipaggiamento delle Gsi include anche i cerchi da 20”, l'impianto frenante maggiorato firmato Brembo e il sistema di gestione del dinamismo con modalità Competition.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti