Mercato e Industria

Opel, oltre 115 anni di storia

di Simonluca Pini

1' di lettura

La storia di Opel legata al mondo delle automobili inizia nel 1899, quando i figli di Adam Opel produssero la Patent-Motorwagen da 3.5 cavalli. Dopo essere diventato nel 1928 il più grande costruttore automobilistico tedesco, a partire dall'anno successivo, i fratelli Friedrich e Wilhelm von Opel iniziarono il processo di vendita a General Motors che si concluse nel 1931 per la cifra record per l'epoca di oltre 33 milioni di dollari, al cambio attuale pari a circa 483 milioni di euro. Nonostante l'acquisizione da parte dell'azienda americana, Opel mantenne una grande indipendenza progettuale e decisionale portandola a diventare il principale produttore di veicoli del gruppo GM al di fuori degli USA.

Tornando alla storia del marchio del Fulmine, i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale la danneggiarono pesantemente e il marchio tedesco si riprese negli anni cinquanta con modelli di successo come la Rekord. Nel corso degli anni successivi sono stati tanti i modelli Opel venduti in milioni di esemplari, a partire dalla Kadett fino all'Astra, passando per modelli di nicchia come la Calibra o la Frontera. Costruttore generalista per eccellenza, il marchio di Russelsheim dopo quasi 90 anni cambia “padrone” e passa sotto il Gruppo Psa, cessione con tutte le caratteristiche per cambiare gli equilibri del mercato automobilistico europeo.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti