economia circolare

Opportunità dalla gestione dei boschi


default onloading pic

1' di lettura

L’assenza di manodopera nel settore legno-arredo caratterizza anche quello che – in un’ottica di economia circolare – rappresenta l’ultimo anello della filiera: il recupero della biomassa legnosa come fonte di energia. L’attività di raccolta della biomassa potrebbe consentire una valorizzazione della risorsa bosco, con importanti ricadute economiche e occupazionali, visto che il nostro Paese è coperto da 12 milioni di ettari di foreste, ma oggi importa l’80% del legname che utilizza a causa di leggi molto restrittive. Secondo le stime di San Marco Bioenergie (uno dei principali produttori di energia da biomasse in Italia, con 105 milioni di euro di fatturato e 110 dipendenti), solo in Calabria e Basilicata si potrebbero attivare circa 100 posti di lavoro nel settore: figure professionali specializzate, ben retribuite, esperti di boschi e gestione forestale, capaci di selezionare i tronchi da tagliare, quelli da utilizzare per successive lavorazioni e quelle viceversa da destinare al recupero energetico. Purtoppo, l’assenza di politiche programmate di gestione della risorsa boschiva, dicono dall’azienda, ha portato a una progressiva perdita anche delle competenze e delle conoscenze per farlo. Ridare vita al settore offrirebbe importanti opportunità di sviluppo e lavoro, oltre che di tutela per l’ambiente

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...