AssEMBLEA ANIE

Ordini in calo, l’allarme dell’elettronica

di Luca Orlando


default onloading pic

2' di lettura

Crescita a doppia cifra. Che poi si trasforma in un “avanti adagio”, infine in retromarcia vera. Uno sguardo al grafico delle commesse del settore degli ultimi trimestri spiega praticamente tutto, con il comparto dell’elettronica a toccare con mano in presa diretta il rallentamento degli investimenti dei propri clienti. Rischiando di fermare una corsa che grazie allo stimolo di Industria 4.0 aveva invece rilanciato il comparto a nuovi record.

Area vasta quella rappresentata dall’Anie (Federazione nazionale delle imprese elettrotecniche ed elettroniche), forte di 1400 imprese, 80 miliardi di ricavi e 500mila addetti, perimetro che vale quasi tre punti e mezzo di Pil. Ma che soprattutto offre una lettura anticipata dei trend, intercettando in modo immediato il cambiamento degli umori dei clienti. Come, in senso negativo, sta accadendo ora.

«Da metà 2018 il clima è cambiato - ha spiegato agli associati riuniti per l’assemblea annuale il presidente Giuliano Busetto - ed ecco perché auspichiamo continuità nelle politiche di sostegno e una spinta maggiore sull’industria: il superammortamento ora è stato ripristinato ma certamente questo continuo “stop and go” non ha aiutato e la diminuita attenzione alla manifattura da parte del Governo ha generato una forte decelerazione degli investimenti».

Un peccato, in effetti, perché tra applicazioni nell’industria, nelle reti di energia, nei trasporti e nella domotica, lo scorso anno è stato per il settore particolarmente positivo, sviluppando una crescita dei ricavi del 4,7%, con performance superiori per l’industria, a testimonianza del successo pieno del programma di incentivazione legato ad Industria 4.0.

Nel solo 2017 le elaborazioni del Mef sulle dichiarazioni dei redditi hanno in effetti certificato l’impatto largo della manovra, con dieci miliardi di investimenti legati ai macchinari e altri tre sviluppati nelle applicazioni software e nelle’integrazione dei sistemi, comparti in cui operano direttamente o con cui sono legate a doppio filo le aziende Anie.

    I sondaggi più recenti indicano invece un andamento diverso: solo un quarto del campione segnala ad esempio domanda in aumento tra i clienti dell’industria, meno della metà rispetto a quanto accadeva lo scorso anno. E se è vero che ancora un’azienda su due nel settore pensa in generale di chiudere il 2019 con ricavi in crescita, si tratta comunque di una percentuale ridotta di quasi dieci punti rispetto alla precedente rilevazione. Anche oltreconfine il rallentamento inizia a farsi sentire: solo il 38% delle imprese Anie segnala infatti nel primo semestre 2019 una crescita del fatturato estero nel confronto con il corrispondente periodo 2018.

    Per provare ad arginare il trend Anie chiede l’attivazione di un grande progetto-Paese, uno sguardo di lungo termine che sia in grado di spingere gli investimenti a partire dal patrimonio immobiliare, una sorta di piano “Building 4.0” che favorisca la digitalizzazione negli edifici.

    Mobilità smart e infrastrutture di rete per energia e trasporti sono le altre aree di intervento suggerite, con l’obiettivo in generale di accelerare la modernizzazione del Paese.

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...