AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca e sfrutta l'esperienza e la competenza dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni. Scopri di piùMetalli preziosi

Oro, ecco perché si è risvegliato e corre verso 1.800 dollari l’oncia

Quotazioni ai massimi da agosto, dopo la settimana migliore da marzo 2020, quando il mondo entrava nel tunnel del Covid. Il rally proseguirà? Molto (ma non tutto) dipende dalla Fed

di Sissi Bellomo

(AdobeStock)

3' di lettura

Dalle stalle alle stelle (o quasi). L’oro dopo un lungo periodo di debolezza ha improvvisamente ritrovato vigore: nella settimana all’11 novembre si è apprezzato di oltre il 5% in dollari, la miglior performance in sette giorni da marzo 2020, quando era esplosa la pandemia da Covid. E le quotazioni hanno continuato a salire, fino a superare 1.785 dollari l’oncia nella seduta di martedì 15, ai massimi da Ferragosto.

Una ripresa notevole, che colpisce ancora di più se messa a confronto con quanto accadeva...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti