ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùNorvegia

Oslo, sparatoria nella notte in un locale: 2 vittime. Si indaga per terrorismo

Ventuno persone sono rimaste ferite. Annullata la parata annuale del Gay Pride ma non è certo vi fossero dei collegamenti

Oltre una dozzina di persone sono rimaste ferite. Un sospetto è stato arrestato. Oggi nella capitale norvegese è in programma la parata annuale del Pride, ma non è certo vi siano collegamenti

Breivik resta in carcere: "potrebbe colpire ancora"

2' di lettura

Due persone sono rimaste uccise e 21 ferite a Oslo, in una sparatoria di massa in un locale. È accaduto nella notte in un bar del centro della capitale norvegese. La città si stava preparando per la parata annuale del Pride. Un sospetto è stato arrestato e la polizia non crede che altre persone siano coinvolte, ha detto il portavoce delle forze dell’ordine Tore Barstad spiegando che il motivo non è ancora noto e che non è chiaro se la sparatoria avesse qualche collegamento con la parata del Pride.

Il sospettato è un uomo di 42 anni accusato oggi di omicidio, tentato omicidio e atti di terrorismo di matrice islamista. Secondo la polizia l’uomo soffre anche di problemi psichici. La persona sospetta ha sparato nel London Pub, un locale frequentato da gay, oltre che nelle vicinanze del locale notturno Herr Nilsen e di un ristorante. Il Gay Pride di Oslo che si sarebbe dovuto svolgere oggi pomeriggio è stato annullato.

Loading...

Il testimone: uomo arrivato nel locale con una borsa con dentro l’arma

Olav Roenneberg, giornalista dell’emittente pubblica norvegese Nrk, ha affermato di aver assistito alla sparatoria. «Ho visto un uomo arrivare al locale con una borsa. Ha preso un’arma e ha iniziato a sparare - ha spiegato - prima ho pensato che fosse un fucile ad aria compressa. Poi il vetro del bar accanto si è rotto e ho capito che dovevo correre ai ripari». La tv norvegese ha mostrato filmati di persone che correvano per le strade di Oslo in preda al panico mentre gli spari risuonavano in sottofondo.

Oslo Pride in contatto con la polizia

Gli organizzatori dell’Oslo Pride hanno affermato di essere in stretto contatto con la polizia. «Siamo scioccati e rattristati dal tragico incidente e lo stiamo seguendo da vicino. I nostri pensieri sono con le vittime e i loro cari», hanno spiegato in una nota. La Norvegia è un paese relativamente sicuro, ma ha subito violenti attacchi da parte di estremisti di destra, tra cui una delle peggiori sparatorie di massa in Europa nel 2011, quando Anders Breivik ha ucciso 69 persone sull’isola di Utoya dopo aver fatto esplodere una bomba a Oslo che ha causato otto morti. Nel 2019, un altro estremista di destra ha ucciso la sua sorellastra e poi ha aperto il fuoco in una moschea, ma è stato fermato prima che qualcuno fosse ferito.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti