tensione con la lega

Pace fiscale, Di Maio accusa: «Testo manipolato»


Condono: massimo vantaggio sopra i 75mila euro più che dimezzato sotto i 22mila

4' di lettura

Colpo di scena sul condono contenuto nel decreto fiscale che consente di far emergere fino a 100mila euro all’anno per singola imposta. «Non è possibile che vada al Quirinale un testo manipolato» che riguarda la pace fiscale. «Domani sarà depositata una denuncia alla procura della Repubblica». Lo ha detto il vicepremier, Luigi Di Maio alla registrazione della puntata di Porta a Porta di mercoledì.

GUARDA IL VIDEO: Condono: massimo vantaggio sopra i 75mila euro più che dimezzato sotto i 22mila

«Nel testo che è arrivato al Quirinale c’è lo scudo fiscale per i capitali all’estero. E c'è la non punibilità per chi evade. Noi non scudiamo capitali di corrotti e di mafiosi. E non era questo il testo uscito dal Cdm. Io questo testo non lo firmo e non andrà al Parlamento», ha aggiunto. «Questo è un condono fiscale come quello che faceva Renzi, io questo non lo faccio votare». «Non abbiamo mai chiesto né parlato di scudare capitali all'estero - ha ribadito - e tanto meno di prevedere l’impunità per gli evasori. Non abbiamo mai discusso di questi temi e soprattutto mai pensato a dare l'impunità per il reato di riciclaggio». La replica del Quirinale non si è fatta attendere: «In riferimento a numerose richieste da parte degli organi di stampa, l’ufficio stampa del Quirinale precisa che il testo del decreto legge in materia fiscale per la firma del Presidente della Repubblica non è ancora pervenuto al Quirinale».

Da Bruxelles, però, il presidente del Consiglio Conte prova a gettare acqua sul fuoco rispetto alle tensioni all’interno della maggioranza: «Domani sarò a Roma, controllerò, come il presidente del Consiglio fa sempre, articolo per articolo» il Dl fiscale e «verrà mandato al Quirinale il testo conforme alla volontà deliberata dal Consiglio dei ministri». Il decreto fiscale, affermano fonti di Palazzo Chigi, è stato anticipato al Quirinale in via meramente informale come è consuetudine fare in questi casi.

PER SAPERNE DI PIÙ: Legge bilancio 2019: ecco cosa prevede la manovra del governo

Non mancano le tensioni con la Lega anche se il vicepremier pentastellato ha dichiarato: «Io non ho ragione di dubitare della Lega perché ci siamo stretti la mano», rispondendo a Bruno Vespa che gli chiedeva se aveva qualche dubbio sulla “manina” che aveva apportato le variazioni sul testo del decreto fiscale. «Tendo ad escludere responsabilità politica, perché abbiamo raggiunto un accordo politico e perché mi fido delle persone che sono al governo» ha aggiunto. Incalzato da Vespa, che gli chiedeva se la “manina” che ha manipolato il testo potesse essere Giorgetti, Di Maio ha ribadito: «Confermo la mia fiducia a tutto il Governo. Non mi permetterei mai di dubitare». Esponenti della Lega, dopo le parole di Di Maio a Porta a porta hanno fatto sapere: «Noi siamo gente seria e non sappiamo niente di decreti truccati, stiamo lavorando giorno e notte sulla riduzione delle tasse, sulla legge Fornero e sulla chiusura delle liti tra cittadini ed Equitalia».

Man mano che emergono nuovi dettagli sul condono fiscale - tetto a 100mila euro per singola imposta, allargamento all’Iva, scudo penale - crescono i malumori dentro al M5S su un provvedimento da sempre osteggiato dal movimento. Si tratta non solo del condono “tombale” per i debiti sotto i mille euro: tutti i debiti con la pubblica amministrazione e con il fisco (come multe e bolli auto non pagati) dal 2000 al 2010 saranno annullati totalmente, in base a quanto previsto dal decreto fiscale. Ma anche delle ipotesi circolate oggi secondo cui il limite di 100mila euro da sanare attraverso la “dichiarazione integrativa speciale” va inteso «per singola imposta e per periodo d’imposta, e comunque non oltre il 30% di quanto già dichiarato». In base alle bozze circolate si dovrebbero poter correggere le dichiarazioni presentate entro il 31 ottobre 2017 ai fini delle imposte sui redditi e relative addizionali, delle imposte sostitutive, delle ritenute e dei contributi previdenziali, dell'imposta sul valore degli immobili all’estero e delle attività finanziare all’estero, dell’Irap e dell’Iva. La “norma incriminata” da Di Maio sembrerebbe quella che prevede la pace fiscale (pagando il 20% del dovuto, senza sanzioni e interessi) anche per due imposte che riguardano proprietà e attività fiscali extra-confine, Ivie e Ivafe, rispettivamente l'imposta sul valore degli immobili situati all'estero e l’imposta sul valore delle attività finanziare detenute all'estero. Si tratta di due imposte che si potevano già regolarizzare negli anni scorsi, sfruttando i benefici della voluntary disclosure (che prevedeva il pagamento di tutto il dovuto con sanzioni e interessi ridotti) che però si rivolgeva a diverse altre tipologie di capitali detenuti illegalmente all'estero.
Altra misura sul banco degli imputati è quella che prevede uno scudo penale per chi presenterà la dichiarazione integrativa. Dovrebbe essere esclusa la punibilità per dichiarazione infedele, omesso versamento di ritenute e omesso versamento di Iva: tre reati non punibili anche nel caso di riciclaggio o impiego di proventi illeciti. Stesso discorso anche per l’autoriciclaggio (fino al 30 settembre 2019). Le norme su prevenzione antiriciclaggio e terrorismo rimangono invece applicabili per gli altri casi. È allo studio la possibilità di escludere la punibilità della dichiarazione fraudolenta.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti