Stato indipendente

Palazzi e vigneti, la cassaforte dell’Ordine di Malta in Italia

Opera in 120 paesi con 42mila dipendenti. Nel 2018 entrate per 94 milioni. Nel patrimonio immobili e 14 aziende agricole

di Carlo Marroni


default onloading pic
All'Aventino, la Villa Magistrale del Gran Priorato di Malta con la bandiera che sventola ed è visibile anche a chilometri (Ansa)

5' di lettura

È una meta turistica imperdibile sulle guide di Roma. Tutti lo conoscono come il “Buco della Serratura”, il grande foro-serratura nell’antico portone della Villa del Gran Priorato di Malta all’Aventino, che inquadra in lontananza il cupolone di San Pietro incastonato in fondo ad un tunnel di alberi. Da quel punto unico al mondo si vedono tre stati: Italia, Vaticano e Sovrano Militare Ordine di Malta. L’altro stato indipendente dentro il cuore della capitale d’Italia. Con un suo forte status internazionale, riconosciuto ufficialmente – quindi con reciproci accreditamenti di ambasciatori - da ben 109 paesi (ma ha relazioni correnti con la gran parte di tutti gli altri) che affonda le radici nel 1113 a Gerusalemme, anno del suo riconoscimento da parte di Papa Pasquale II.Oggi è presente ai quattro angoli della terra come organizzazione mondiale di assistenza, medica prima di tutto, di pronto intervento per le calamità naturali e in via continuativa ai senza tetto e agli indigenti. Il cuore dell’Ordine – la cui dizione storica è Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta – è il grande palazzo di Via Condotti a Roma, sede dove risiede dal 1834 il Gran Maestro, ma la Villa Magistrale dell’Aventino è forse il luogo più noto, grazie anche alla bandiera dell’ordine che sventola visibile anche a chilometri. Questi due palazzi e giardini annessi godono di extra territorialità, come la Città del Vaticano. Non è territorio dell’Ordine invece la Casa dei Cavalieri di Rodi nella piazzetta del Grillo, che custodisce la cappella palatina di San Giovanni Battista dei Cavalieri di Rodi e la spettacolare loggia a cinque arcate che affaccia sul Foro di Augusto: gli immobili sono del Comune di Roma.

Per avere un’idea dell’Ordine nel mondo basta qualche cifra globale per capire di cosa stiamo parlando: opera il 120 paesi con 42mila dipendenti, 80mila volontari, 20 ospedali (in larga parte in Africa occidentale), 13.500 membri tra cavalieri e dame, 5,7 milioni di pasti all’anno distribuiti ai bisognosi, 400mila persone formate sulle tecniche di primo soccorso, un milione e più di donatori. E, solo a Roma, migliaia di pasti distribuiti alle stazioni Termini e Tiburtina. L’Ordine è strutturato nel Gran Magistero, che è il governo centrale, sei Gran Priorati (tre in Italia, uno in Austria, uno nella Repubblica Ceca e uno nel Regno Unito) e 48 associazioni nazionali, che sono i bracci operativi, perlopiù titolari delle strutture sul territorio.

Il Gran Maestro dal 2018 è frà Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, che è stato eletto a vita dal Consiglio Compìto di Stato tra i Cavalieri Professi (in tutto sono 47), cioè cavalieri laici ma che hanno preso i voti. Guida un governo di dieci membri, di cui in realtà sono quattro quelli con “portafoglio”: Gran Commendatore (ministro degli affari religiosi) frà Ruy Gonçalo do Valle Peixoto de Villas Boas, Gran Cancelliere (Primo ministro) Albrecht Freiherr von Boeselager, Grande Ospedaliere (ministro della cooperazione) Dominique Principe de La Rochefoucauld-Montbel e Ricevitore del Comun Tesoro, János Conte Esterházy de Galántha. Quest’ultimo, come indica il nome della qualifica, è il ministro del Tesoro, che gestisce la cassa e i beni del Gran Magistero. Non sono pubblici i bilanci, ma qualcosa si sa.

A parte gli immobili di Roma e altri cespiti immobiliari a reddito (uno a Roma in Via Tempesta in realtà è occupato da anni), controlla la Sagrivit, società con sede in Umbria che gestisce le grandi aziende agricole dedite alla produzione vinicola, ma anche olio e latte. In tutto 5mila ettari di terreni, divisi in tre grandi unità, sotto cui operano 14 aziende: Magione (Perugia), Rocca Bernarda (Udine) e Villa Giustiniani (Treviso). Il sito umbro sul monte che sovrasta il Trasimeno è particolarmente noto per il Castello di Magione che risale al 1150, e che conobbe notorietà per la congiura di Magione descritta dal Machiavelli ne Il Principe, una cospirazione contro Cesare Borgia nel 1502.

L’Ordine nel suo complesso, per il sostengo all’attività, vive dei frutti del patrimonio, delle donazioni e dei versamenti dei membri, che sono abbastanza modesti: 400 euro all’anno e poco più di 2mila come tassa di ingresso (chiamata “tassa di passaggio” dalla tradizione del pagamento delle traversate medioevali in nave verso la Terra Santa). Il braccio “operativo” nell’assistenza nel mondo è il Malteser International, che nel 2018 ha assistito 1,5 milioni di rifugiati e curato due milioni di persone, 355mila persone hanno potuto accedere a servizi igenici e 5.600 bimbi sotto i cinque anni hanno ricevuto cibo. Il Maltese ha bisogno di fondi imponenti per operare: lo scorso anno le entrate sono state di 94 milioni di euro, di cui 71 da contributi da enti pubblici (ben 64 dal governo tedesco, che segnala come la Germania sia uno dei paesi-chiave per l’Ordine, e che contribuisce anche per altre vie) e 14 da donazioni private. Il resto da campagne, fondazioni e ong. Tra le principali operazioni sul campo da segnalare gli interventi a favore del milione e più di rifugiati del Venezuala in Colombia, per le vittime del colera in Nigeria, per ebola in Congo, i rifugiati in Sud Sudan e in Siria, e altri interventi in Myanmar, Indonesia e Filippine.

In Italia l’Ordine – che conta circa 3mila tra cavalieri e dame – ha molte strutture sanitarie (18 centri medici) e il noto Ospedale San Giovanni Battista di Roma, zona Magliana, 240 posti letto, un’eccellenza internazionale nel campo della neuroriabilitazione. Le strutture sono sotto l’Associazione nazionale, presieduta da Riccardo Paternò di Montecupo. In Italia opera anche il corpo militare-sanitario sotto le insegno dello Smom dal 1876, e sfila il 2 giugno ai Fori Imperiali.

Ora l’Ordine vive una fase di ritrovata “pace” dopo i forti scossoni di due anni fa, quando una complicata crisi al vertice tra l’ex Gran Maestro Mattew Festing e il suo vice Boaselager, portò ad una sorta di commissariamento da parte di Papa Francesco e l’invio dell’allora Sostituto della Segreteria di Stato, Angelo Becciu con funzioni di delegato speciale pontificio, incarico che mantiene fino a compimento della riforma “costituzionale”, in via di scrittura. Ogni tanto qualche dissenso emerge – niente a che vedere con i Borgia – come quello recente del celebre principe Sforza Marescotti Ruspoli, che si è dimesso criticando una “debolezza” nella difesa del Papa. In realtà, si osserva nel Palazzo Magistrale, la fedeltà al Papa è assoluta, nei principi e nei fatti. A conferma del motto – che rispecchia la pastorale di Francesco - Tuitio Fidei et Obsequium Pauperum, «in difesa della fede e al servizio dei poveri».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...