Senato

Palestre, vacanze e concerti: le novità sui voucher nel decreto Sostegni

Il provvedimento dovrebbe ottenere il via libera di Palazzo Madama in prima lettura fra giovedì 6 e venerdì 7 maggio

di Andrea Carli

Speranza: da 15 maggio sì a piscine all'aperto, a giugno palestre

3' di lettura

Decreto Sostegni a passo di voucher. Il Dl 41/2021 all’attenzione dell’Aula al Senato in vista del via libera in prima lettura nel passaggio nelle Commissioni Finanze e Bilancio ha registrato novità sui “ticket”. Novità che riguardano in particolare palestre, vacanze e concerti.

Ok utilizzo voucher palestre entro 6 mesi da fine pandemia

Arriva la possibilità di avere rimborsi anche dalle palestre, o in alternativa voucher da usare fino a sei mesi dopo la fine dello stato di emergenza, al momento fissata al 31 luglio 2021. È quanto prevede un emendamento al decreto legge approvato dalle commissioni del Senato. Le palestre, e in generale i soggetti che offrono servizi sportivi, si legge nella proposta di modifica, «possono riconoscere agli acquirenti dei servizi sportivi, alternativamente al rimborso o alla realizzazione delle attività con modalità a distanza quando realizzabili, un voucher di valore pari al credito vantato, utilizzabile entro sei mesi dalla fine dell'emergenza nazionale». Oltre al rimborso e al rilascio di un voucher di valore pari al credito vantato, viene prevista per i gestori di servizi sportivi una terza alternativa: la possibilità di riconoscere a coloro che abbiano acquistato i servizi sportivi la realizzazione delle attività con modalità a distanza, quando ciò risulti possibile.

Loading...

Voucher vacanze validi per 2 anni

Quanto invece alle vacanze, la possibilità di utilizzare i voucher passa da 18 mesi a due anni dalla data di emissione. La proroga di sei mesi riguarda i voucher viaggi emessi per voli, biglietti dei treni, soggiorni in strutture ricettive, pacchetti turistici ma anche per gite scolastiche e viaggi di istruzione (a seguito della dichiarazione dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020). In caso di mancato svolgimento di questi viaggi einiziative, è previsto un rimborso, che può essere effettuato anche mediante un voucher di pari importo. È sempre corrisposto il rimborso con restituzione della somma versata, senza emissione di voucher, quando il viaggio o l'iniziativa di istruzione riguarda la scuola dell'infanzia o le classi terminali della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado nonché, secondo per i soggiorni di studio degli studenti del quarto anno delle scuole secondarie di secondo grado nell'ambito dei programmi internazionali di mobilità studentesca previsti per gli anni scolastici 2019/2020 e 2020/2021. Nei casi cui il titolo di viaggio, il soggiorno e il pacchetto turistico è stato acquistato attraverso agenzia di viaggi o un portale di prenotazione con il consenso delle parti, il voucher può essere ceduto dal beneficiario all'agenzia di viaggio, ovvero può essere emesso direttamente in favore di quest'ultima, nei casi in cui il pagamento o la prenotazione sia stato effettuato dalla stessa.

Proroga del “buono viaggio” al 31 dicembre

Viene prevista la proroga fino al 31 dicembre 2021 della possibilità di fruire del cosiddetto “buono viaggio”. Si attribuiscono ulteriori 20 milioni di euro per quest’anno per il finanziamento della misura. Il buono può essere utilizzato per gli spostamenti effettuati tramite taxi ovvero servizio di noleggio con conducente da parte delle persone fisicamente impedite o comunque a mobilità ridotta o con patologie accertate nonché da persone appartenenti a nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall'emergenza coronavirus o in stato di bisogno. L'importo del buono è pari al 50 per cento della spesa sostenuta, non può superare euro 20 per ciascun viaggio e doveva essere utilizzato per gli spostamenti effettuati fino al 30 giugno 2021 (termine ora differito al 31 dicembre 2021 mentre originariamente il termine era fissato al 31 dicembre 2020).

Più tempo per voucher concerti, durano 3 anni

Si allungano anche i tempi per poter usare i voucher per i biglietti degli spettacoli e dei musei annullati a causa del Covid e delle misure restrittive: saranno validi per tre anni e non più per 18 mesi. I voucher sono di importo pari al prezzo del titolo di acquisto, (eventualmente) emesso dall'organizzatore dell'evento in alternativa al rimborso richiesto
dall'acquirente. Lo prevede un emendamento al Dl Sostegni approvato in Senato. Per quanto riguarda esclusivamente i biglietti dei concerti, questi rimarranno validi sempre per tre anni al massimo a patto però che l'evento sia posticipato con data certa e comunque entro il 31 dicembre 2023.

Voto entro giovedì o venerdì, ipotesi fiducia

Il decreto Sostegni dovrebbe essere approvato dal Senato fra giovedì 6 e venerdì 7 maggio. È questo il calendario di massima che circola fra i parlamentari. L'ipotesi è che in Aula venga presentato un maxiemendamento con tutte le modifiche approvate dalle commissioni e che venga posta la fiducia. I lavori in Aula potrebbero iniziare nel pomeriggio del 5 maggio, e allora il voto ci sarebbe giovedì 5, in serata, oppure potrebbero cominciare giovedì, per arrivare al voto venerdì 7 maggio in tarda mattinata.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti