le finali della champions league

Pallanuoto: Pro Recco-Brescia è un derby per l'Europa

di Giacomo Bagnasco

2' di lettura

Finale a otto, per la prima volta, per aggiudicare la Champions League della pallanuoto: le migliori squadre d’Europa, e presumibilmente del mondo, da oggi a sabato si sfidano nella piscina della Sciorba a Genova, impianto rinnovato con una “semicopertura” e con una capienza portata da mille a 2.500 spettatori. Comunque pochi, stando alla richiesta di biglietti piovuta sugli organizzatori soprattutto per la finale di sabato.

Ma per gli appassionati italiani già i quarti di finale in programma oggi propongono un appuntamento di prima grandezza: il derby tra la Pro Recco, favorita dal “fattore vasca” oltre che da una indubbia superiorità ribadita sul fronte interno dalla recente vittoria del 13° campionato consecutivo, e il Brescia eterno secondo. Eterno? Dire che gli uomini allenati da Alessandro Bovo, 12 giorni dopo la sconfitta per 7-5 nella finale scudetto di Siracusa, siano fortemente motivati a spezzare la catena di sconfitte è ancora poco. Liberi da una pressione psicologica che potrebbe gravare tutta sui padroni di casa, i giocatori lombardi, che compongono a loro volta una signora squadra, potrebbero anche far saltare il banco.

Loading...

L'italiana che andrà avanti dovrà poi fare i conti con il resto della compagnia. Il ct azzurro Sandro Campagna - in un'intervista al Secolo XIX - ha parlato di una Final Eight “di altissimo standard tecnico”, aggiungendo che alla Sciorba scenderanno in acqua “i migliori giocatori del mondo, a parte quattro o cinque”.

Oggi solo il primo match parte con un pronostico netto per dei greci dell'Olympiacos nei confronti dei tedeschi dello Spandau. A seguire, Eger-Barceloneta vede gli spagnoli favoriti sugli ungheresi, mentre il confronto ungherese-croato tra Szolnoki e Jug Dubrovnik è nientemeno che la replica della finale di Budapest dello scorso anno, vinta dai magiari.

Lo Szolnoki ha iscritto così il proprio nome nell'albo d'oro della manifestazione. Tra le squadre presenti a Genova solo l'Eger e il Brescia non si sono mai laureate campioni d'Europa. Alla Pro Recco è capitato otto volte (la prima nel 1965 ai tempi del “Caimano” Eraldo Pizzo e l'ultima nel 2015) ed è un primato assoluto. Jug e Spandau hanno alzato la Coppa quattro volte a testa, Olympiacos e Barceloneta e una.

La Len, federazione europea degli sport natatori, ha stanziato un montepremi di 381mila euro da dividere tra le partecipanti. Una somma che può far sorridere pensando agli importi del calcio, mentre per la pallanuoto è niente male.

IL PROGRAMMA
Quarti di finale, oggi
Alle 16 Olympiacos Pireo (Grecia)-Spandau 04 Berlin (Germania); alle 17,30 Eger (Ungheria)-Barceloneta (Spagna); alle 19 Jug Dubrovnik (Croazia)-Szolnoki (Ungheria); alle 20,30 Pro Recco-Brescia

Semifinali (domani, stessi orari)
Prima i match valevoli per i piazzamenti dal quinto all'ottavo posto, poi quelle per assegnare i posti dal primo al quarto

Finali (sabato, stessi orari)
In successione i match che mettono in palio il settimo, il quinto, il terzo e il primo posto

Per ogni giornata, le prime due partite in streaming su www.len.eu e le altre due in diretta tv su Sky Sport 2

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti