Collezioni AI 2022/23

Parigi conclude le sfilate uomo: un inno alla fisicità nel post distanziamento

Da Loewe a Hermès, il corpo torna protagonista: sensualità e sessualità nel messaggio che emerge dalla fashion week francese

di Angelo Flaccavento

Kenzo autunno/inverno 2022/2023 (Reuters)

3' di lettura

Sensualità, sessualità, lampi di nudo, guizzi di carne sono il chiaro messaggio emerso dalla settimana parigina della moda maschile. Altro che distanziamento: si punta all’avvicinamento sudato e periglioso, forse perché a lungo negato; ritorna la fisicità palpabile.

Loewe: passerella sensuale nel labirinto

Il corpo è protagonista da Loewe: punto di partenza e di arrivo di un detour immaginifico che è una riflessione sulla realtà altamente fabbricata che tutti viviamo, costantemente retroilluminata dai trabiccoli smart cui si esiste appiccicati. La nudità, il grado zero di ogni cosa, è insieme evocata e distorta nelle stampe iperrealistiche di corpi rimpiccioliti su tute seconda-pelle. Alcuni modelli, poi, indossano t-shirt sulle quali sono riprodotti, in foto-print, i loro stessi volti, con effetti di alto straniamento. L'assunto intorno al quale lavora il direttore creativo, Jonathan Anderson - uno dei pochi designer, oggi, capaci di creare show che scatenano l'immaginazione invece di essere brutali vetrine di prodotto - è che niente è come sembra. Parte dagli archetipi del guardaroba maschile - i boxer, la t-shirt, il cappotto, i jeans, ma anche il montone a pelo lungo da hippie e gli shorts da go go dancer- e li taglia con linee di luce al led - vera - oppure li decora con filtri da scarico del lavandino, li rimpicciolisce incollandoli addosso, o ancora li espone nella loro cruda ed evidente banalità. Il percorso è ondivago, astratto, e per questo ipnotico da seguire, pieno di tenere surrealtà come le fibbie che sillabano Hello o Smile, o le maglie marinare con imbottiture a forma di cuore. La sfilata si svolge dentro una installazione site-specific degli artisti Joe McShea e Edgar Mosa: bandiere senza insegna, fatte di nastri di raso colorati che ondeggiano al passare degli indossatori. C'è qualcosa di molto sensuale in questo labirinto policromo, montato su un pavimento di sabbia: una selva che irretisce e che ricorda dappresso il deboscio dell'isola di Fire Island. A quell'energia pre-AIDS rimanda la proposta più diretta e più chiara di tutto lo show: un paio di jeans e una maglietta bianca, ovvero la seduzione strippata al grado zero.

Loading...

Collezione Loewe autunno/inverno (Epa/Christophe Petit Tesson)

Louis-Gabriel Nouchi pensa ai Paradisi Artificiali di Baudelaire, ma nel trasporli nell'oggi sostituisce la notte in discoteca allo stordimento oppiaceo. Si parte in nero e si finisce in mutande e corpi sudati, in un progressivo svestimento fatto di linee fluide e tagli sensuosi.

Il rinnovamento di Hermès

Una energia nuova percorre la collezione di Hermès. L'espressione, certo, è misurata come da copione, ma c'è qualcosa di fresco, decisamente giovane, ma anche di grafico e sensuale in questa nuova prova, a partire dagli stivaletti metallizzati che, come un segno continuo, accessoriano tutto, dai parka geometrici ai grossi maglioni ai cappottini e le giacche intonsi. Veronique Nichanian guida da tempo e con sicurezza la divisione maschile della storica maison francese. Nelle ultime stagioni, però, ha operato un sottile rinnovamento, che adesso raggiunge l'apice e convince.

Kenzo autunno/inverno 2022/2023 (AP Photo/Lewis Joly)

Kenzo in cerca di coesione stilistica

È tempo di cambiamento anche da Kenzo. Per il debutto nel ruolo di direttore creativo, il giapponese Nigo - Dj, designer, talento multidisciplinare - sceglie la Galerie Vivienne, il posto in cui nel 1970 Kenzo Takada aprì la boutique, Jungle Jap, inizio della sua storia parigina. È la prima volta da quando Takada ha lasciato il timone che il posto di guida viene dato ad un giapponese, e questo genera un forte senso di riconnessione. Ma Takada era un designer, mentre Nigo è un vulcanico non professionista, di quelli che al momento, sull'onda di Virgil Abloh, spopolano. La collezione è fatta di pezzi pensati per il commercio, che in passerella s'afflosciano, mentre dal punto di vista stilistico ha un che di turistico, come una serie di clichè francesi - dall'artista con il basco allo scolaro - visti da uno straniero. Di per sè è anche una idea azzeccata, che necessita però di energia, spirito vitale, e soprattutto coesione stilistica. Il seme del nuovo Kenzo, marchio quanto mai bistrattato, va fatto germogliare con più cura, o si rischia di annientare una gloriosa eredità.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti