PARIGI, preso l’attentatore

Parigi, paura a Notre Dame: aggressione con il martello, ferito agente

di Redazione Online

Spari a Notre Dame, torna paura terrorismo

2' di lettura

Momenti di terrore a Parigi, quando un uomo ha tentato di aggredire a colpi di martello un agente della polizia municipale sulla spianata davanti alla cattedrale di Notre Dame. L’assalitore è stato subito neutralizzato e bloccato dai colleghi, che hanno aperto il fuoco. L’uomo è stato trasportato in ambulanza all’ospedale ed è ricoverato per ferite “alle gambe” (e non al torace come detto in un primo momento).
La polizia ha reso noto che l'aggressore di Notre Dame, oltre al martello, aveva anche due coltelli. «Questo è per la Siria!», ha gridato prima di essere bloccato dagli agenti. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Gerard Collomb, in visita sul luogo dell'attentato. La conferma in serata: l'attentatore è Farid Ikken, algerino, nato nel 1977 e arrivato nel marzo 2014 in Francia. Nella sua abitazione sarebbe stato ritrovato un video con il giuramento all'Isis e il proposito di commettere attentati. Farid Ikken è uno studente dell'Università di Metz, dottorando in giornalismo, con una tesi sui media, in particolare quelli del Nord Africa. Lo ha dichiarato il presidente dell'Università di Lorena, Pierre Mutzenhardt. Il rettore ha confermato che Ikken studia dal 2014 per un dottorato in giornalismo al CREM, il Centro di ricerca sulle mediazioni. All'università affermano che Ikken era giornalista in Algeria.

Il fatto
Un poliziotto è rimasto ferito,
colpito alla testa in modo non grave.
L’intero quartiere è stato isolato, mentre oltre 900 persone sono rimaste bloccate all’interno della cattedrale: dopo circa un’ora sono state fatte “progressivamente uscire dopo i controlli di rito”, secondo quanto riferisce la Prefettura di Parigi.
Ora la situazione nella piazza di Notre Dame è dunque «sotto controllo, un poliziotto ferito, l'autore dei fatti è stato neutralizzato e trasferito in un ospedale».

Loading...

La sezione antiterrorismo della procura di Parigi ha aperto un'inchiesta.
L'aggressore di Notre-Dame sarebbe di origine algerina e viveva in Val d'Oise, dipartimento a nord di Parigi. Lo riferisce Le Figaro.

La polizia ha chiesto a tutti di tenere alte le mani (Twitter)

Secondo quanto hanno riferito fonti giornalistiche della tv BFM, avrebbe circa 40 anni. In piazza si sono verificate scene di panico, riferisce alla stessa emittente un testimone oculare sul posto.

Secondo il ministero dell'Interno, «i funzionari di polizia hanno reagito alla minaccia con la loro arma d'ordinanza ferendo l'aggressore al torace».

La spianata davanti a Notre Dame è ora deserta. La prefettura di Parigi ha invitato la cittadinanza ad evitare la zona con un annuncio su Twitter. «Operazione in corso a Notre Dame, evitare la zona».

All’interno della cattedrale di Notre Dame, sono rimaste bloccate dalla polizia circa 900 persone. «Sono calmi, abbiamo spiegato loro la situazione e stiamo aspettando di poter uscire», ha spiegato alla tv Bfm una esponente della diocesi incaricata della comunicazione, che si trovava anche lei all'interno della chiesa. Fuori, intanto, nell’Ile de la Cité è scattata la caccia all’uomo: le forze dell’ordine setacciano l’area alla ricerca di eventuali complici dell'aggressore.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti