in francia

Parigi, scontri al corteo del 1° Maggio. Gilet gialli e 500 black bloc contro la polizia


default onloading pic
(AFP)

2' di lettura

Non è sabato ma il copione non cambia. Scontri e ormai abituali scene di guerriglia hanno preceduto a Montparnasse la partenza del corteo dei sindacati per il 1° maggio, al quale si sono unite alcune centinaia di gilet gialli e di black bloc. Gli scontri sono proseguiti anche dopo l’avvio del corteo e in diversi punti dei gruppi di manifestanti hanno cercato di staccarsi dal corteo principale per raggiungere luoghi sensibili. In particolare si è verificato un fitto lancio di oggetti, cubetti di porfido e anche di bottiglie molotov nella zona di Place d’Italie, contro un commissariato di polizia. Le forze dell’ordine hanno risposto con i lacrimogeni.

Sono intanto saliti a 200 gli arresti, 148 le persone in stato di fermo e oltre 12mila i controlli effettuati. Il sindacato Fsu ha deciso di abbandonare il corteo.

Secondo dati non confermati, i manifestanti in tutta la Francia alle 14 erano 151mila, di cui 16mila a Parigi, tra i quali 500 black bloc.

Gli scontri già prima della partenza
Lanci di oggetti contro la polizia, una vera e propria nube di lacrimogeni si sono registrate ancora prima dell’avvio del corteo, da parte di black bloc e gilet gialli che erano in testa al corteo. Inseguimenti e cariche si sono registrate nelle vie adiacenti del XIV arroondissement, mentre la gran parte del corteo si mantiene calma e pacifica.

GUARDA IL VIDEO / Il 28 aprile: Gilet gialli, scontri a Strasburgo ma a Parigi è un flop

I fermati, secondo la prefettura, sono stati 165 alle 13. A Besancon, nell'est del paese, da una manifestazione si sono staccati circa 200 gilet gialli che - secondo la radio France Info - hanno tentato di fare irruzione nel commissariato principale della città, ma sono stati respinti.

A causa degli scontri, il segretario generale del sindacato Cgt (sinistra comunista), Philippe Martinez, ha dovuto rinunciare al punto stampa previsto alla partenza del corteo del 1 maggio perché proprio in quel momento imperversavano i tafferugli fra gilet gialli e black bloc da una parte e polizia dall’altro. Martinez si è trovato sotto una pioggia di lacrimogeni della polizia e di oggetti lanciati dai manifestanti. Un lacrimogeno ha colpito il pallone aerostatico con la grande sigla Cgt che si staglia al di sopra della testa del corteo ed è ricaduto a pochi metri di distanza. Il sindacato unitario Fsu, che rappresenta in gran parte la funzione pubblica e gli insegnanti, ha abbandonato il corteo, partito alle 14:30 in un’atmosfera che - dopo gli scontri - è tornata calma.

Primo maggio a Parigi, gilet gialli e black bloc contro la polizia

Primo maggio a Parigi, gilet gialli e black bloc contro la polizia

Photogallery25 foto

Visualizza

Nella Parigi blindata per i cortei di sindacati e gilet gialli, spunta anche Jean-Marie Le Pen, l’ex leader dell’estrema destra, che - a 90 anni - ha arringato come tradizione i suoi seguaci davanti alla statua di Giovanna d’Arco.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...