SENATORI E DEPUTATI IN TRANSITO

Parlamento, i due «gruppi misti» cresciuti di un terzo da inizio legislatura

Dall’inizio della legislatura a oggi, rileva Openpolis, 15 deputati sono approdati al Misto. Al Senato a fare questa scelta sono stati cinque senatori

di Andrea Carli

Messaggio di Conte a delusi 5S. E Zingaretti: alleati siano leali

Dall’inizio della legislatura a oggi, rileva Openpolis, 15 deputati sono approdati al Misto. Al Senato a fare questa scelta sono stati cinque senatori


2' di lettura

Un aumento di un terzo sia alla Camera sia al Senato rispetto all’inizio della legislatura. Da marzo 2018 a oggi, rileva Openpolis, 15 deputati sono approdati al Misto. Al Senato a fare questa scelta sono stati invece in cinque. Rispetto a marzo 2018, il Misto alla Camera registra un saldo (tra chi è uscito e chi è entrato) positivo di nove componenti (erano 23 a inizio legislatura, oggi sono 32). Ne “ha persi” due, che hanno scelto Italia Viva; due hanno bussato alla porta di Fratelli d’Italia e uno ha scelto il Pd.

Analoga tendenza per il Misto al Senato: salvo in positivo, più quattro componenti (solo Riccardo Nencini ha “abbandonato”, preferendo Italia Viva-Psi). Erano 13 a marzo 2018, oggi il misto conta 17 senatori. Openpolis mette in evidenza che il gruppo Misto sta diventando «una vera e propria babele di componenti parlamentari».

Alla Camera 17 deputati hanno scelto il Misto
Dei 15 deputati approdati al Misto dall’inizio della legislatura, uno proviene dalla Lega (Carmelo Lomonte); uno dal Pd (la deputata Daniela Cardinale); sei da Forza Italia (Stefano Benigni, Alessandro Sorte, Claudio Pedrazzini, Manuela Gagliardi, Giorgio Silli e Vittorio Sgarbi) e sette dai Cinque Stelle (Nunzio Angiola, Gianluca Rospi, Andrea Mura, Gloria Vizzini, Lorenzo Fioramonti, Sara Cunial e Veronica Giannone). Ai quindici vanno poi aggiunti i due deputati pentastellati che nelle ultime ore hanno annunciato l’intenzione di passare al Misto. Si tratta di Massimiliano De Toma e Rachele Silvestri. Il totale, in prospettiva, diventa di 17 deputati che hanno fatto questa scelta.

Al Senato sono 5 casi su 25 cambiamenti di gruppo da marzo 2018
A Palazzo Madama, sono approdati al gruppo Misto un senatore del Pd (Matteo Richetti) e sei pentastellati (Saverio De Bonis, Paola Nugnes, Ugo Grassi, Gregorio De Falco, Elena Fattori e Stefano Lucidi).

Paragone espulso da M5s: farò ricorso anche a giustizia ordinaria

Con il 2020 oltre 90 cambi di gruppo nella legislatura attuale
Il risultato di questa tendenza del gruppo Misto della Camera e di quello del Senato a diventare sempre più consistenti è, osserva Openpolis, che «tra monocomponenti composte da una sola persona e sigle politiche che si uniscono, la realtà del gruppo Misto complica non poco la comprensione dei processi politici». Anche perché se alcune componenti fanno parte della maggioranza, vedi Maie, altre, come Noi con l’Italia, risultano invece all’opposizione. La soglia della maggioranza al Senato continua a preoccupare: i 162 senatori (+1 sulla maggioranza assoluta) di M5S, Pd, Italia Viva e Per le autonomie hanno bisogno del sostegno delle varie componenti del Misto: Liberi e uguali (5 senatori) e Maie (2 senatori) su tutti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...