I DATI DEL I° SEMESTRE

Parmigiano Reggiano: crescono le vendite in Italia (+6%) e l’export (+12%). Primo mercato la Germania

Nei primi sei mesi del 2020 sono state vendute 34.200 tonnellate di prodotto in Italia e 27mila all’estero

di L.Ben.

1' di lettura

Confermata l’impennata di acquisti del re dei formaggi Dop nonostante il Covid e le incertezze sui mercati internazionali. Il Parmigiano Reggiano ha chiuso il primo semestre 2020 con il segno positivo sia in Italia (+6,1%) che all'estero (+11,9%). I dati emergono da un'analisi del Consorzio Parmigiano Reggiano e del Centro ricerche produzioni animali (Crpa). Se in Italia l'aumento complessivo delle vendite è stato pari a 34.200 tonnellate contro le 32mila del semestre precedente, all'estero, nei primi sei mesi del 2020 sono oltre 27mila le tonnellate di prodotto che hanno superato i confini italiani per raggiungere le tavole di tutto il mondo.

Il 2020 è stato un anno eccezionale che ha cambiato anche la distribuzione dell'export del prodotto e ha costretto il Consorzio a ritirare 160mila forme per ridurre l'offerta e alzare il prezzo alla produzione. Nel primo semestre, il primo mercato è stato la Germania (quota 19,6% su totale export), seguito da Francia (19,5%), Usa (18,2%), Regno Unito (13,5%) e Canada (5%).

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti