GLI STRUMENTI DI WELFARE

Parte la Carta famiglia, il coronavirus aumenta i beneficiari di sconti e tariffe ridotte

Mercoledì via alle richieste dei nuclei con almeno tre figli (uno nelle zone di contagio). Garantisce sconti e tariffe ridotte. La ministra Bonetti: «Un sostegno per gli acquisti»

di Michela Finizio


Ok alla supermanovra contro il coronavirus, sbloccati 350 mld

3' di lettura

Da mercoledì sarà possibile chiedere la Carta famiglia per i genitori con almeno tre figli conviventi sotto i 26 anni, anche adottivi, in tutto 939mila nuclei familiari secondo Istat. Il portale per il rilascio www.cartafamiglia.gov.it andrà online il 18 marzo e, a causa dell’emergenza da coronavirus, nelle settimane successive lo strumento verrà esteso per il 2020 a tutte le famiglie con figli (anche uno solo) e consentirà l’accesso a sconti e riduzioni tariffarie.

Il debutto dello strumento durante l’emergenza
Prevista ancora dalla legge di Bilancio 2019 per i nuclei numerosi, e attuata con un decreto ministeriale lo scorso 27 giugno, la Carta famiglia può finalmente decollare. Il debutto avviene proprio in questo periodo di difficoltà per le famiglie. Tanto che con il Dl 9/2020 (articolo 30) - il primo approvato con misure di sostegno per l’emergenza sanitaria in corso - il Governo ha voluto estendere per quest’anno la platea anche ai nuclei con un solo figlio residenti nelle regioni interessate del contagio (quindi tutta Italia).

Coronavirus, tutto quello che c’è da sapere

«L’auspicio - afferma il ministro per la Famiglia, Elena Bonetti - è che soprattutto in questo momento la Carta possa diventare uno strumento capace di sostenere le famiglie negli acquisti, aprendo loro possibilità di risparmio che ci aspettiamo saranno via via sempre più ampie in base alle adesioni degli esercenti, in un’ottica che valorizza la comunità e sostiene le famiglie, soprattutto quelle numerose».

Pensata per i nuclei numerosi, sarà estesa a tutti i genitori nel 2020
Bisognerà aspettare, però, perché la Carta diventi operativa anche per i nuclei con un solo figlio come previsto per il 2020: la piattaforma informatica, disegnata per le famiglie numerose, andrà adeguata. Per dare risposte più rapide, il dipartimento della Famiglia vorrebbe chiedere a Sogei (incaricata dello sviluppo informatico) di procedere in due step: estendere il prima possibile la Carta a tutte le famiglie con figli nelle regioni del nord, in particolare Lombardia e Veneto, che stanno affrontando l’emergenza già dal 23 febbraio; adeguare, poi, la piattaforma per tutto il resto d’Italia. «In questa prima fase - aggiunge il ministro Bonetti - stiamo mettendo in campo misure che sostengano la possibilità di riorganizzare i tempi della vita familiare, avendo attenzione alla cura e alla custodia dei bambini». In questa direzione vanno anche le decisioni che nelle ultime ore sta prendendo il Governo per le famiglie e «molte ancora - conclude Bonetti - dovremo metterne in campo, a partire dal Family Act».

Come funziona la Carta e quali sconti permette
Intanto, dal 18 marzo potranno aderire alla Carta famiglia tutti i soggetti pubblici o privati interessati a concedere sconti o riduzioni. L’importante è che i vantaggi siano maggiori di quelli praticati sul mercato (nella misura pari almeno al 5 per cento). In cambio potranno valorizzare la loro partecipazione a scopi promozionali e pubblicitari, esponendo il logo dell’iniziativa. Il dipartimento fa sapere che tra i player che hanno aderito già in fase preliminare, Amazon, Mediaworld, Coop, Conad, Federfarma, l’associazione italiana retailer elettrodomestici specializzati (Aires) e FederDistribuzione. L’elenco completo sarà disponibile al varo online e sarà in costante aggiornamento. Per conoscere, però, nel dettaglio i vantaggi cui si potrà accedere bisogna aspettare che vengano stretti gli accordi. I privati, infatti, dovranno registrarsi in un’apposita area esercenti all’interno della piattaforma, utilizzando le proprie credenziali Entratel/Fiscoline. Successivamente, la piattaforma permetterà di inserire punti vendita sia fisici che online, e definire le categorie di sconti, per poi iniziare ad accettare la carta (tramite Qrcode, lettore di codice a barre o a inserimento manuale). Gli esercenti potranno verificare online se la carta è attiva e registrare gli sconti effettuati .

Chi può chiedere la Carta e come da mercoledì
Per richiedere la Carta i componenti del nucleo devono essere cittadini italiani o dell’Unione europea. Uno dei due genitori, con il consenso dell’altro, dovrà registrare tutti i componenti del nucleo sulla piattaforma utilizzando le credenziali personali Spid. Il sistema genererà una carta (e un Pin) per ogni membro.

Per approfondire:
Le cento proroghe fiscali per dare respiro a famiglie e imprese
Stop bollette: che cosa c'è di vero e di falso sulla sospensione
Cig per tutti, stop tasse e mutui casa, congedi familiari e autonomi: le principali misure del decreto

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...