ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùOn line il 2 giugno

Parte la piattaforma unica del Mise su bandi e incentivi: come funziona

Sul portale incentivi.gov, on line il 2 giugno, per ogni agevolazione saranno specificate le categorie di interesse, le date di apertura e chiusura degli sportelli, le caratteristiche tecniche, i costi ammessi e l'ambito territoriale

2' di lettura

A partire dal 2 giugno sarà on line il portale incentivi.gov.it, un motore di ricerca che ha l’obiettivo di far conoscere e promuovere, in modo semplice e veloce, gli incentivi finanziati dal Ministero dello sviluppo economico, compresi quelli previsti dal PNRR, ad aspiranti imprenditori, alle imprese nuove e a quelle già attive, ai liberi professionisti, a enti e istituzioni. «Si tratta di una bussola - spiega in una nota il ministro Giancarlo Giorgetti - che permette di orientarsi tra le agevolazioni previste da bandi e provvedimenti dedicati allo sviluppo del tessuto produttivo del Paese. È un’opportunità per realizzare idee e progetti imprenditoriali, investire in competitività, valorizzare il territorio, coltivando e concretizzando i sogni imprenditoriali.


Loading...
La presentazione del ministro Giorgetti

Come funziona il portale

La piattaforma contiene informazioni su bandi, avvisi, chiamate per manifestazione di interesse o altri provvedimenti comunque denominati, che prevedono agevolazioni, sotto qualsiasi forma, riconosciute ai soggetti che svolgono attività economiche. Dall’home page del portale si può trovare o scegliere l’incentivo seguendo uno dei quattro percorsi: per profilo, adatto ad aspiranti imprenditori, imprese e professionisti, enti o cittadini; per parola chiave; per categorie di interesse, ad esempio startup, innovazione, digitalizzazione; esplorando l’intero catalogo anche con l’uso dei filtri.

Ogni incentivo è corredato da una scheda con le informazioni di dettaglio, che riporta in sintesi la misura, a chi si rivolge, cosa prevede, la data di chiusura e apertura del bando, la tipologia d’impresa che può richiedere il contributo, le specifiche tecniche e i costi ammessi, l’ambito territoriale, le indicazioni per consultare la modulistica necessaria e i riferimenti per agevolare la compilazione della domanda.

Quali sono i vantaggi per gli utenti

Gli utenti potranno avere così tutte le informazioni utili per usufruire degli incentivi a cui spesso non riescono ad accedere a causa della troppa burocrazia e di notizie frammentate. Si tratta di una semplificazione per velocizzare le procedure amministrative con la conseguenza di una riduzione degli oneri e la certezza dei tempi.

Il portale del Mise

Un’area riservata alle Pa

In una prima fase, prosegue la nota del Mise, il portale consente di trovare tutte le misure del ministero dello Sviluppo economico in continua interrelazione con il sito del Mise mentre in una seconda fase sarà aperto anche alle misure e le sovvenzioni di altre amministrazioni centrali o degli enti territoriali. È infine prevista un'area riservata alle pubbliche amministrazioni per offrire report e dati aggiornati utili alla programmazione e alla conoscenza dello stato delle misure in tempo reale.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti