diritto d’autore

Parte Tutelio, la blockchain per la community creativa

di Alessia Maccaferri

default onloading pic


2' di lettura

Nel portafoglio clienti c’è un trial clinico condotto dal Gise, la società italiana di cardiologia interventistica. Non mancano gli artisti che collaborano al Farm Cultural Park, centro culturale indipendente a Favara, in Provincia di Agrigento. E presto potrebbero aggiungersi alcuni grandi università e centri di ricerca con i loro brevetti. Sarà aperta al pubblico la prossima settimana Tutelio, la piattaforma che vuole tutelare - attraverso blockchain - il diritto d’autore. E vuole farlo gratutitamente, forte del business model e di un nuovo round da 500mila euro che si chiuderà l’anno prossimo.

L’idea viene da lontano, dal team di Polline, un progetto di galleria digitale d’arte che tre anni fa ha vinto Culturability, il bando di Fondazione Unipolis dedicato alle imprese culturali. Poi la compagine originaria è mutata, il progetto si è esteso a tutte la comunità dei creativi e da impresa sociale si è trasformata in srl. Il senso però resta lo stesso: tutelare in maniera certa e gratuita la proprietà intellettuale italiana. “Basta pensare al bisogno di tutela delle università - spiega Fabrizio Lipani, ceo e co-fouder di Tutelio - La tutela non è un ostacolo all’accessibilità di informazioni, ma vogliamo evitare usi privatistici che danneggiano i ricercatori e l’università, che invece ha un gran bisogno di liberare risorse”. Ai ricercatori e ai dipartimenti universitari è dedicata la sezione Science, che si affianca a scrittura, enterteinment, innovazione, design, scrittura, comics., moda e giornalismo.

Loading...

Dopo aver collaborato con un centinaio di partner-clienti ora Tutelio apre la piattaforma al grande pubblico, promettendo una tariffa base a zero euro.
Gli utenti registrati possono inserire online le informazioni sul progetto, caricare il file e depositarlo per ottenere subito il certificato di paternità. Una volta completato il deposito del progetto con crittografia blockchain l’utente può scaricare il certificato di paternità, sempre e dovunque. Fino a qui Tutelio è gratuito. Poi si possono aggiungere servizi a pagamento. Il primo è la conservazione dei documenti digitali (ovvero tutti i file relativi al progetto, dai documenti di bozza alle email di consegna del lavoro, fino ai file definitivi), utili in caso di contenzioso legale per dimostrare la paternità dell’opera. Il secondo è l’assicurazione per sostenere le spese legali in caso di plagio.

Tutelio nasce dal precupposto che a rischio di sfruttamento commerciale non sia solo più il mondo dell’arte, ma tutta l’industria dei creativi soprattutto le piccole imprese e i freelance, che spesso non possono poi permettersi onerose spese legali per far valere i diritti sul proprio lavoro.

Il team di Tutelio è composto da un eterogeneo gruppo di professionisti esperti nel settore della proprietà intellettuale, dalla tutela preventiva alla distribuzione globale dei titoli IP, insieme ad un team di sviluppatori esperti in sicurezza informatica, data management e tecnologia blockchain.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti