FISCO E CONTRIBUTI

Partite Iva, niente versamenti fino a maggio a Bergamo, Cremona, Lodi e Piacenza

Tra le pieghe del decreto Cura Italia una sospensione generalizzata per l’Iva. Dall’agenzia delle Entrate un vademecum a tutte le scadenze sospese

di Marco Mobili e Giovanni Parente

Congedi, tasse e mutui, primi aiuti a tutta Italia

Tra le pieghe del decreto Cura Italia una sospensione generalizzata per l’Iva. Dall’agenzia delle Entrate un vademecum a tutte le scadenze sospese


2' di lettura

Per imprese, autonomi e professionisti di Bergamo, Cremona, Lodi e Piacenza sono sospesi fino al 31 maggio 2020 i versamenti dell’Iva in scadenza tra l’8 marzo e il 31 marzo. E questo senza limite di ricavo e a prescindere dalla filiera di attività di appartenenza. Tra le pieghe del decreto Cura Italia (Dl 18/2020) spunta una sospensione generalizzata a prescindere dal tipo di attività svolta e dei limiti di ricavi o compensi.

Il rapporto contagiati/popolazione
Una misura finalizzata ad andare incontro ai territori-focolaio in cui, anche secondo le stime della relazione illustrativa , al 14 marzo 2020 c’era un rapporto tra casi totali di contagiati di coronavirus e popolazione supeeriore a 200 ogni centomila abitanti.

La provincia di Brescia
E alle quattro province non è escluso che, in fase di conversione parlamentare del decreto legge, si aggiunga anche quella di Brescia. Ad aprire a questa ipotesi, suo malgrado, è Vito Crimi, reggente del Movimento 5 Stelle: «Se il prossimo mese sarà decisa una nuova sospensione dei versamenti Iva, l'elenco delle province sarà rivisto, tenendo conto dell'evoluzione dei dati sui contagi. E, purtroppo, è prevedibile ci sarà anche Brescia».

Il vademecum delle Entrate alle scadenze sospese

Visualizza

I chiarimenti delle Entrate
Per orientare i contribuenti nel ginepario delle mini-proroghe previste dal decreto Cura Italia, l’agenzia delle Entrate ha predisposto un vademecum in cui vengono illustrate categoria per categoria i termini di sospensione, i soggetti ammessi, i termini di ripresa dei versamenti con la possibilità di pagare in un’unica soluzione o 5 rate di pari importo a partire sempre dal mese di maggio (solo le società sportive torneranno a versare da giugno).

Sospensione da 12 miliardi
Nel complesso lo spostamento in avanti dei termini di versamento per le filiere più colpite, i contribuenti fino a due milioni di ricavi , quelli residenti o con domicilio fiscale nelle quattro province focolaio, i professionisti e collaboratori con ritenute d’acconto fino a 400mila euro di ricavi o compensi vale 11 miliardi di euro. A cui però vanno aggiunte le sospensioni relative a cartelle esattoriali e giochi che fanno salire il totale a oltre 12 miliardi di costo per l’Erario in termini di mancata cassa.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti