Da oltre 50 anni

Pasquale Bruni potenzia il retail, la scommessa è sul Medio Oriente

La settimana prossima l'azienda inaugura una boutique in via Montenapoleone: «Qui lo scontrino medio più alto d'Europa»

di Marika Gervasio


default onloading pic
Pasquale Bruni , presidente dell'azienda omonima, nella foto con i figli Eugenia, direttore creativo, e Daniele, ceo della filiale Usa

2' di lettura

Aveva vent’anni, Pasquale Bruni, quando, seguendo la sua visione creativa, ha cominciato a realizzare gioielli artigianali unici a Valenza, dove decide di aprire il suo laboratorio e crescere la sua famiglia. E oggi, affiancato dai figli Eugenia, direttore creativo, e Daniele, ceo della filiale Usa, continua a conquistare i mercati di tutto il mondo, dalla Russia agli Stati Uniti fino al Medio Oriente.

L’azienda è infatti tornata, dopo circa quindici anni, al Bahrain Jewellery Arabia 2019. «Vogliamo riconquistare un mercato che ha amato il nostro marchio fin dall’inizio» ha commentato Roberto Bocus, direttore commerciale globale di Pasquale Bruni.

Senza dimenticare l’Italia: la settimana prossima, infatti, inaugurerà una boutique a Milano in via Montenapoleone - spostandosi da via della Spiga dove ha aperto il suo primo flagship store nel 1990 - «via dello shopping di lusso con lo scontrino medio più alto di qualsiasi capitale europea» si legge in una nota della maison.

Il concept del nuovo negozio - che si aggiunge a quello inaugurato a Roma, in via del Babuino lo scorso anno e al corner all’interno di Printemps Haussmann a Parigi - è stato disegnato da Pasquale ed Eugenia Bruni per essere «un tempio di gioielleria ed emozioni ispirati dalla femminilità tra fluttuanti fiori di seta e quarzite rosa in sintonia con le energie delle pietre preziose».

La boutique ospiterà anche un museo che celebrerà la storia della maison fondata oltre 50 anni fa: in mostra i pezzi più rappresentativi delle sue creazioni. Tra le collezioni del 2019, invece, spiccano i pezzi unici di Vento Atelier con pietre preziose come rubini, smeraldi e diamanti; Lakashmi, un viaggio dai giardini segreti di Milano all’India spirituale. Oppure, solo per citarne alcune, le foglie sinuose e i motivi floreali di Giardini Segreti - Segreti di Luna che vede protagonista il sofisticato topazio blu London e lo splendore della pietra di luna assieme ai diamanti. E Bon Ton - Figlia dei Fiori dall’allure gioioso e spensierato, tributo alla libertà e all’indipendenza femminile, in oro bianco e rosa, madreperla, lapislazzuli, turchese, onice, con diamanti bianchi e champagne, calcedonio rosa, madreperla, quarzo fumè, corniola e granato rosso.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...