ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùla classifica

Passaporti migliori: vincono Giappone e Singapore. Italia in terza fila

I cittadini di questi due Stati hanno in mano i passaporti migliori di questo 2019. Con il loro documento, infatti, possono accedere senza alcun problema in 190 Paesi differenti. I numeri sono quelli dell’indice Henley Passport

di Biagio Simonetta


Arabia Saudita, sì al passaporto alle donne e ai viaggi da sole

3' di lettura

Giappone e Singapore sul tetto del mondo. La classifica sui passaporti più potenti, che ogni anno analizza Paesi e divieti a livello globale, ha due vincitori: Giappone e Singapore. I cittadini di questi due Stati hanno in mano i passaporti migliori di questo 2019. Con il loro documento, infatti, possono accedere senza alcun problema in 190 Paesi differenti. I numeri sono quelli dell’indice Henley Passport. Un appuntamento ormai consolidato, per gli amanti dei viaggi.

Per un cittadino giapponese, la richiesta di un visto è limitata ad un totale di 26 Paesi. Fra questi, l’unico Europeo è la Russia. Mentre la maggior parte sono africani.

Dietro al duetto di testa, un terzetto composto da Corea del Sud, Germania e Finlandia. In questo caso, i Paesi ad accesso libero sono 188 in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE / Se il passaporto diventa arma non convenzionale di politica estera

Bene l’Italia
Ottime notizie anche per gli italiani: il passaporto del nostro Paese è al terzo posto dell’indice, insieme a quello di Danimarca e Lussemburgo, con un accesso libero garantito in 187 Stati. Fra i Paesi più importanti che chiedono un visto specifico ai cittadini italiani ci sono Cina, India, Corea del Nord, Russia, Cuba, Arabia Saudita e Iraq, oltre a una lunga lista di nazioni africane. Il resto è considerato da Henley come “visa-free access”, anche se per alcune destinazioni sono necessarie documentazioni accessorie (come l'Esta nel caso degli Stati Uniti d'America o del Canada).

Gli altri
Alle spalle dell’Italia si classificano Francia, Spagna e Svezia: quarto posto, con un punteggio di 186 Stati accessibili. Ma a guardare qualche dato storico dell'indice Henley Passport, si scopre anche che cinque anni fa, nel 2014, gli Stati Uniti e il Regno Unito erano in cima alla classifica. Ora entrambi i Paesi sono scesi al sesto posto, la posizione più bassa dal 2010. E le ragioni sono diverse: nel caso del Regno Unito, inoltre, l’incognita della Brexit rischia di peggiorare ulteriormente le cose. Scalano invece la classifica gli Emirati Arabi Uniti, che balzano al quindicesimo posto, con ben cinque posizioni guadagnate.

LEGGI ANCHE / Happy Brexmas! Il passaporto inglese torna blu

I peggiori
Mentre l’attenzione è concentrata pesantemente su cosa succederà con Brexit (che determinerà molto per chi viaggi da e per la Gran Bretagna), il fanalino di coda è l'Afghanistan. I cittadini con passaporto afghano hanno bisogno di visti speciali un po' ovunque (l’accesso libero è consentito solo in 25 Paesi al mondo). Ecco comunque le classifiche:

I migliori passaporti del 2019:
1. Giappone, Singapore (190 destinazioni)
2. Finlandia, Germania, Corea del Sud (188)
3. Danimarca, Italia, Lussemburgo (187)
4. Francia, Spagna, Svezia (186)
5. Austria, Olanda, Portogallo (185)
6. Belgio, Canada, Grecia, Irlanda, Norvegia, Regno Unito, Stati Uniti, Svizzera (184)
7. Malta, Repubblica Ceca (183)
8. Nuova Zelanda (182)
9. Australia, Lituania, Slovacchia (181)
10. Ungheria, Islanda, Lettonia, Slovenia (180)

I peggiori passaporti:
100. Libano, Corea del Nord (39 destinazioni)
101. Nepal (38)
102. Libia, Territori palestinesi, Sudan (37)
103. Yemen (33)
104. Somalia, Pakistan (31)
105. Siria (29)
106. Iraq (27)
107. Afghanistan (25)

Come funziona l’indice Henley
L'indice Henley Passport si basa sui dati forniti dall'autorità internazionale di trasporto aereo (IATA) e copre 199 passaporti e 227 destinazioni di viaggio. Viene aggiornato in tempo reale durante tutto l’anno, così da tenere conto quasi in real time di eventuali variazioni se entrano in vigore le modifiche alla politica dei visti.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...