VERSO il 3 GIUGNO

Passaporto sanitario, i pro e i contro del lasciapassare per le vacanze

Sono soprattutto due i punti deboli messi in evidenza dagli scienziati: non esistono patentini di immunità per il coronavirus, e una uniformità su tutto il territorio al momento appare difficile

di Andrea Carli

Detto e contraddetto: lo scontro sul passaporto sanitario

Sono soprattutto due i punti deboli messi in evidenza dagli scienziati: non esistono patentini di immunità per il coronavirus, e una uniformità su tutto il territorio al momento appare difficile


4' di lettura

Un lasciapassare per le vacanze. Più si avvicina la data del 3 giugno, giorno in cui potrebbe scattare - andamento della curva dei contagi permettendo - il semaforo verde per gli spostamenti tra le regioni, più aumenta il pressing sul governo da parte delle regioni mete tradizionali dei flussi turistici in Italia, affinché preveda delle soluzioni che tutelino le aree con meno contagi. Sardegna e Sicilia chiedono una passaporto sanitario per tutelare sia chi si sposta sia chi accoglie chi si sposta.

Decisivi per la riapertura delle regioni saranno i dati della curva dei contagi che saranno forniti dal ministero della Salute. Dovrebbero arrivare giovedì 28 maggio. In base a quel resoconto, si valuterà se si può far scattare il semaforo verde per gli spostamenti già dal 3 giugno o se invece occorre attendere qualche giorno in più, almeno in alcune regioni (in bilico potrebbero essere Lombardia e Piemonte). La decisione è attesa per venerdì 29. Nelle ultime ore le regioni del Sud hanno posto nuovi paletti sulla riapertura generalizzata del 3.

Solinas: certificato negatività allegato a biglietto Sardegna
Il governatore della Sardegna Christian Solinas ha avviato la trattativa con l’esecutivo. Propone che vengano autorizzati i nuovi test salivari. L’obiettivo è un’isola Covid-free. La Sardegna spalanca le braccia ai turisti, ha spiegato. A una condizione.«Chiediamo solo una piccola cautela in più: munirsi di un certificato di negatività al Covid-19». Chi vuole viaggiare, è la tesi del presidente della regione, deve avere la possibilità di fare il tampone, così da poter verificare di essere negativo al Covid-19. Ecco la proposta: il certificato di negatività per arrivare in Sardegna dal 3 giugno prossimo dovrà essere presentato «non quando si prenoterà il biglietto ma entro tre giorni dalla partenza. Così il passeggero si presenterà all’imbarco munito di carta d’imbarco, documento d’identità e questo certificato». Il governatore sardo è andato oltre, ragionando sull’ipotesi di un bonus per chi arriva in Sardegna dal 3 giugno e avrà dovuto sostenere il costo per il certificato di negatività. Un test che «se il Governo farà la sua parte» potrà essere richiesto nelle farmacie o dai medici di famiglia, luoghi in cui «il cittadino può andare con semplicità» per attestare in modo rapido che in quel momento non è positivo. Su una linea analoga a quella del collega sardo, il presidente della regione siciliana Nello Musumeci, il quale ha delineato l’ipotesi di un passaporto sanitario per poter raggiungere l’isola a partire dall’8 di giugno.

Coronavirus: il contagio nella tua regione. Focolaio in Molise

Lo stop del governo e del Comitato tecnico scientifico
Ma sul passaporto sanitario il governo frena: «La soluzione è ambiziosa ma impraticabile», ha tagliato corto Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute in un intervento su Radio 24. «È necessaria un’uniformità su tutto il territorio e al momento la vedo molto difficile - ha aggiunto -. Facciamo prima a riaprire lasciandoci questo virus alle spalle rispettando le regole». Sulla stessa linea il ministro della Salute Roberto Speranza e quello degli Affari regionali Francesco Boccia. Uno stop all’ipotesi di un passaporto sanitario è giunto anche dagli esperti del Comitato tecnico scientifico: non può esistere un passaporto sanitario o un certificato di negatività, è stato il ragionamento degli scienziati.

I contro del lasciapassare
I test salivari rapidi proposti da Solinas come passaporto sanitario, ha sottolineato il direttore scientifico dell’Inmi Spallanzani di Roma Giuseppe Ippolito, intervenuto di recente alla trasmissione Agorà su Rai3, «non sono validati». Inoltre, ha aggiunto lo scienziato, «dietro c’è un affare privato miliardario, perché vengono tutti convinti che va fatto un test, e che va fatto presso laboratori privati. L’Oms - ha continuato Ippolito -, che pure ha i suoi difetti perché corre dietro alla lepre dopo che è scappata - finalmente ha detto che non esistono patentini di immunità per il coronavirus, cosa che il Comitato Tecnico Scientifico ha da sempre sostenuto». Sileri, da parte sua, ha messo in evidenza un altro punto debole: per un passaporto sanitario non si può prescindere da una «uniformità su tutto il territorio e al momento - ha concluso il viceministro della Salute - la vedo molto difficile».

Il nodo tamponi
E poi c’è un altro punto debole, probabilmente quello allo stato attuale determinante: i tamponi stentano a decollare in tutta Italia. Degli oltre 3,2 milioni eseguiti in realtà quelli “diagnostici” (cioè casi nuovi testati e non secondi o terzi tamponi per verificare la guarigione) sono appena 2 milioni. Il numero di tamponi eseguito ogni giorno per nuovi casi nella Fase due è rimasto lo stesso - 30-40mila circa - a quello della Fase uno.

Lo schema di attacco di Solinas
Lo schema di attacco di Solinas sul certificato sanitario di negatività al Covid-19 prevede prima un passaggio in conferenza delle Regioni poi, se ci sarà il via libera, l’approdo venerdì 29 maggio alla Conferenza Stato-Regioni. Il governatore sardo ha comunque pronto un piano B, nel caso in cui il pressing sull’esecutivo non dovesse portare al risultato sperato, ovvero il via libera al passaporto sanitario. «Abbiamo già previsto due scenari alternativi se il Governo dovesse dire no al sistema del passaporto sanitario proposto dalla Sardegna. Illustrerò le specifiche venerdì prossimo (29 maggio, ndr) - ha annunciato -, sino ad allora lavoreremo con tenacia per affermare il modello principale da noi proposto». La tenacia è una dote che ai sardi non manca.

Per approfondire:
Tamponi e test sierologici: ecco dove si possono chiedere al medico di famiglia
Al via i test sierologici ma l'affluenza è bassa. Da oggi prelievi in Abruzzo, Liguria e Lazio

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti