Riservatezza

Password sicura: online i suggerimenti del Garante privacy

Uso di parole di fantasia, lunghezza e sostituzione periodica tra le regole d’oro per evitarne il furto

di Annarita D'Ambrosio

Addio alle password, svolta con il nuovo sistema di Microsoft

2' di lettura

La società sempre più digitalizzata, causa Covid, necessita di giuste attenzioni. A richiamare noi utenti sul fronte sicurezza è il Garante della Privacy che ha pubblicato un interessante vademecum sulle regole per creare e gestire le nostre password fino a come conservarle.

Caratteri diversi e mai riferimenti personali

La prima regola è la lunghezza: a nostra tutela la password deve avere minimo 8 caratteri, 15 quelli ottimali, e deve poi contenere almeno 4 caratteri diversi (maiuscolo, minuscolo, numeri e caratteri speciali) oltre a nessun riferimento personale a partire ovviamente dal nome dell’utente. Meglio evitare che contenga parole intere di uso comune: è meglio usare parole di fantasia oppure parole “camuffate” per renderle meno comuni.

Loading...

Esistono infatti – scrive il Garante - software programmati per tentare di indovinare e rubare le password provando sistematicamente tutte le parole di uso comune nelle varie lingue. Altra regola d'oro è la durata che deve essere breve: la password andrebbe periodicamente cambiata e ad account diversi meglio che corrispondano password diverse così in caso di «furto» si evita il rischio che anche gli altri profili possano essere facilmente violati.

Mai condivisione di dati sensibili su email, sms o social

Delicata anche la fase della gestione, non bisogna mai scrivere le password su biglietti che distrattamente si possono lasciare in giro, tantomeno in file non protetti sui propri dispositivi personali (computer, smartphone o tablet). Ovviamente non vanno mai condivise via e-mail, sms, social network, così come andrà prestata attenzione, qualora si usino pc, smartphone e altri dispositivi che non ci appartengono, che le nostre password possano essere conservate nella loro memoria.

I programmi generatori di password

Farsi aiutare? Anche questa è una opzione: esistono - conclude il Garante - programmi specializzati che generano password sicure e consentono di appuntare in formato digitale tutte le password salvandole in un database cifrato sicuro. Ce ne sono di vario tipo, gratuiti o a pagamento. Questi in estrema sintesi gli utili suggerimenti che, il Garante stesso precisa, saranno costantemente aggiornati. La scheda, consultabile sul sito www.garanteprivacy.it ha finalità divulgative e si inserisce nel quadro delle attività di educazione digitale di base che fanno parte della missione specifica dell'Autorità.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti