circolare della motorizzazione

Patente, il foglio rosa si può prorogare

Negli ultimi mesi, molti candidati alla patente sono stati beffati. Hanno dovuto rifare gli esami di teoria perché non è stato loro possibile sottoporsi a quelli di pratica entro la scadenza del foglio rosa: le liste di attesa sono diventate troppo lunghe. Ora la Motorizzazione mette una pezza ai ritardi dei propri uffici: il foglio rosa diventa “prorogabile” senza nemmeno la necessità di un nuovo certificato medico

di Maurizio Caprino

Codice della strada, le 5 grandi novità in arrivo

3' di lettura

Negli ultimi mesi, molti candidati alla patente sono stati beffati. Hanno dovuto rifare gli esami di teoria perché non è stato loro possibile sottoporsi a quelli di pratica entro la scadenza del foglio rosa: le liste di attesa sono diventate troppo lunghe. Ora la Motorizzazione mette una pezza ai ritardi dei propri uffici: il foglio rosa diventa “prorogabile” senza nemmeno la necessità di un nuovo certificato medico.

In realtà, contrariamente a quanto è dato capire dagli annunci ufficiali, la novità assoluta sta proprio nella semplificazione che riguarda il certificato: la prorogabilità era tornata già da qualche anno, ma era resa comunque ostacolata dall’obbligo di rifare la nuova visita medica.

Loading...

LEGGI ANCHE / Patente, bici, seggiolini: cosa cambia (e cosa no)

Il problema
Per il resto, non è la prima volta che si stabilisce che il foglio rosa è prorogabile. Tutto nasce dal fatto che il primo comma dell’articolo 122 del Codice della strada impone di sostenere l’esame di guida entro sei mesi dal rilascio del foglio rosa, trascorsi i quali occorre ripetere tutta la procedura, comprese la visita medica e la prova di teoria.

Un termine che spesso è difficile rispettare: a parte situazioni locali ancora più vecchie, da una quindicina d’anni la Motorizzazione non può effettuare assunzioni per rimpiazzare il personale che va in pensione e molte sedi sono rimaste praticamente senza dipendenti qualificati come esaminatori. Negli ultimi tempi la situazione è diventata intollerabile, tanto che i rappresentanti delle autoscuole hanno sollecitato più volte una soluzione efficace.

La proroga
L’ultimo rimedio è contenuto nella circolare n. 24583, firmata il 30 luglio dal direttore generale della Motorizzazione. Il provvedimento stabilisce ancora una volta che si può chiedere il «riporto», cioè un nuovo foglio rosa su cui viene riportato l’esito positivo dell’esame di teoria, che quindi viene considerato come se fosse avvenuto durante i sei mesi di validità di questa seconda autorizzazione alla guida.

Il tutto senza nemmeno procurarsi un nuovo certificato medico: la circolare riporta il parere n. 00786/2019 del Consiglio di Stato, che riconosce validità a quello già prodotto per ottenere il primo foglio rosa.

Le condizioni
La circolare distingue vari casi. Ma la sostanza è una: il riporto può essere richiesto sia da chi la prova pratica non è arrivato nemmeno a sostenerla sia da chi ha fallito una o entrambe le prove di guida previste dal Codice della strada nel semestre.

In sostanza, la Motorizzazione allarga molto le maglie, per non creare disagi. In attesa che arrivino in porto le modifiche al Codice della strada che estendono a 12 mesi sempre e comunque la validità del foglio rosa, come in molti altri Paesi della Ue (e in alcuni è ancora più lunga).

Le modalità
La domanda di riporto si può presentare «non prima del giorno successivo» ed «entro il secondo mese» dalla data di scadenza del foglio rosa precedente. È possibile sforare quest’ultimo termine solo quando cade di sabato o di domenica, casi nei quali è ammessa la presentazione anche il lunedì successivo.

La data di presentazione può essere anticipata se si sono già fallite entrambe le prove pratiche consentite nel semestre: in questo caso, la domanda di riporto può essere presentata dal giorno successivo a quando nel sistema informatico della Motorizzazione risulta inserito anche l’esito negativo del secondo esame di guida.

L’ufficio cui presentare la domanda deve essere lo stesso che ha rilasciato il primo foglio rosa.

La categoria della patente richiesta deve essere della stessa categoria alla quale si riferiva il primo foglio rosa.

Visto che comunque viene rilasciato un secondo foglio rosa, occorre ripetere i versamenti già effettuati in occasione della richiesta per il docimento scaduto: 16 euro sul conto corrente postale 4028 e 26,40 sul conto 9001.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti