Patenti e Covid

Patenti, esami entro fine anno per le domande 2020 Rinnovi vengono rinviati fino ad aprile 2022

I termini legati alla fine dello stato di emergenza slittano al 29 ottobre 2021. Chi chiede la licenza nel 2021 ha un anno di tempo per fare il test di teoria

di Maurizio Caprino

(auremar - stock.adobe.com)

3' di lettura

Cambiano ancora le scadenze legate alla patente: si allungano i rinvii per l’emergenza Covid. Il Dl 56/2021 del 30 aprile dà più tempo per gli esami, mentre la proroga dello stato di emergenza al 31 luglio (Dl 52/2021 del 22 aprile) sposta al 29 ottobre alcuni termini per la visita medica di rinnovo.

Sul fronte degli esami, l’articolo 5 del Dl 56/2021 ha fissato nel 31 dicembre la nuova data-limite entro cui deve sostenere la prova di teoria chi aveva presentato la domanda di conseguimento della patente nel corso del 2020; prima andava espletata entro un anno dall’istanza. Chi invece ha presentato quest’ultima dal 1° gennaio 2021 o lo farà entro il 31 luglio (data di cessazione dello stato di emergenza, salvo ulteriori rinvii) avrà un anno esatto dalla data di presentazione.

Loading...

Per le altre scadenze, le norme nazionali (in sostanza, il decreto Cura Italia, più volte modificato) vanno incrociate con quelle europee (regolamenti 2020/698 e 2021/267): secondo la data di scadenza, valgono le une o le altre (fermo restando che le norme italiane non valgono per le licenze di guida rilasciate da altri Stati della Ue o del See, Spazio economico europeo, che comprende Ue, Norvegia, Islanda e Liechtenstein). Le prime valgono solo sul territorio italiano, mentre le seconde si applicano nella circolazione in tutta la Ue e nel See.

Il risultato è che:

- per le patenti scadute nel 2020 tra il 1° febbraio e il 31 maggio, ci sono 13 mesi contati a partire dalla data di scadenza originaria;

- per le patenti scadute nel 2020 tra il 1° giugno e il 31 agosto, la nuova scadenza è il 1° luglio 2021;

- per le patenti in scadute tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021, ci sono 10 mesi dalla scadenza (quindi si arriva anche ad aprile 2022);

- chi ha una patente italiana scaduta nel 2020 fra il 31 gennaio e il 29 settembre o che scadrà a luglio 2021 avrà tempo fino a 90 giorni dopo la dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza, cioè fino al 29 ottobre 2021 (salvo rinvii);

- chi ha una patente scaduta dopo il 31 gennaio 2020 da rinnovare in Commissione medica locale e ha un permesso provvisorio in attesa della visita può guidare in Italia fino a 90 giorni oltre la fine dell’emergenza;

- chi ha patente CE e compie 65 anni fra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2021 può guidare autotreni e autoarticolati oltre le 20 tonnellate fino a 90 giorni oltre la fine dell’emergenza;

- chi ha una patente D1, D1E, D o DE e compie 60 anni fra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2021 può guidare mezzi pesanti (anche per trasporto persone) fino a 90 giorni oltre la fine dell’emergenza.

Per gli altri permessi di guida, si veda la scheda a sinistra.

GLI ALTRI PERMESSI

Fogli rosa

Quelli in scadenza dal 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2021 consentono di esercitarsi fino a 90 giorni dopo la fine dell’emergenza

Cqc

Quelli abbinati a patenti in scadenza nei periodi 31 gennaio 2020-29 settembre 2020 e 1-31 luglio 2021 valgono fino a 90 giorni dopo la fine dell’emergenza. Quelli abbinati a patenti in scadenza nel periodo 30 settembre 2020-30 giugno 2021 hanno validità prorogata di 10 mesi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti