ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRegionali

Pd, Letta dice no a Moratti in Lombardia

Ormai al tramonto l’obiettivo Dem di andare al voto con alleanze larghe. In Lazio ci si confronta sull’ipotesi D’Amato

Lombardia, Letizia Moratti si candida con il Terzo Polo

2' di lettura

Enrico Letta prova ad accelerare i tempi del congresso e intanto fa i conti con le elezioni regionali di inizio 2023 in Lombardia e nel Lazio. La segreteria del partito ha dato il via ufficiale al percorso che porterà alle primarie per la scelta del nuovo segretario: la data già fissata è quella del 12 marzo ma, in un intervento su La Repubblica, Letta non ha escluso che possa essere anticipata. Nella giornata in cui è iniziato il percorso costituente per il nuovo Pd, a tenere banco sono state però le regionali. È ormai sulla via del tramonto l’obiettivo dei Dem di andare al voto con alleanze larghe, dal M5s al Terzo polo. «In ogni caso - è il commento - andremo avanti per la nostra strada».

In Lombardia, Carlo Calenda e Matteo Renzi hanno lanciato la candidatura di Letizia Moratti, che però è stata bocciata da larghissima parte del Pd. Compresa Base riformista, l’area ritenuta più vicina al Terzo polo: «Non si va lontano con i diktat», ha detto il coordinatore della corrente, Alessandro Alfieri. Chi invece chiede di pensarci è il governatore della Puglia, Michele Emiliano: «Io non chiuderei la porta». Nel Lazio, il Terzo polo punta sull’assessore regionale Alessio D’Amato, del Pd. Un’indicazione che fra i Dem non è stata letta come un’apertura, ma come una mossa d’anticipo per mettere il cappello sul nome e creare difficoltà ai democratici. Resta poi da capire cosa faranno i Cinque Stelle, soprattutto nel Lazio, visto che il loro peso elettorale in Lombardia è relativo.

Loading...

Il Pd aspettava una risposta in giornata sull’intenzione di cercare un nome insieme. Ma non sono arrivati segnali: «Ora è prematuro parlare di alleanze», commentava un esponente di peso del Movimento. «Se ci saranno interlocuzioni poi vedremo». Sia nel Lazio sia in Lombardia, il percorso che porterà il Nazareno alla scelta dei candidati non è stato ancora definito: resta la via maestra delle primarie, che potrebbe mettere un freno alle divisioni interne a aprire la strada alla partecipazione dei candidati del Terzo Polo. Per la Lombardia, uno dei nomi in campo è quello di Carlo Cottarelli che, però, si era detto disponibile a condizione di essere appoggiato anche dal Terzo polo.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti