IL FORUM DI DAVOS

Pechino pivot fra Asia ed Europa

di Rita Fatiguso

3' di lettura

C’è chi la chiama, con un certo disprezzo, diplomazia del chèque per la gran quantità di risorse con le quali la Cina si fa largo sulla strada della globalizzazione.

In realtà, la strategia cinese alla quale assistiamo anche in queste ore consiste nel far precedere, alle parole e ai discorsi, accordi sostanziosi operativi a tutto campo.

Loading...

Non solo dichiarazioni, ma fatti, anzi, fondi, stanziati per garantire quella comunità di intenti globale alla quale il presidente Xi Jinping si è rifatto nel discorso di apertura del Forum di Davos.

Xi sta fornendo una prova tangibile del suo pensiero, seguendo un copione studiato da tempo, utile a confermare il ruolo della Cina (e il suo come core leader) nel mondo.

Appena sbarcato in Svizzera, ha firmato un upgrade di quello che viene considerato il più importante accordo di libero scambio operativo nel cuore dell’Europa, il Free trade agreement siglato tre anni fa che – secondo Pechino - dovrebbe funzionare da apripista per altri accordi di libero scambio simili a questo.

Un vero cavallo di Troia piazzato lì, a fare da trampolino sui mercati europei, dal momento che al Free trade agreement si è accodato un consistente swap in yuan a favore della Svizzera e dei suoi investimenti.

Al naufragio del Tpp determinato dal cambio di amministrazione americana farà sicuramente da contraltare una ripresa dei negoziati per la Rcep, la Regional comprehensive economic partnership di cui la Cina è capofila. Gli Usa restano fuori dalla porta, stavolta, ma cresce il numero di pretendenti tra questi il Perù, com’è noto, mentre con altri alleati, Filippine e Vietnam, ad esempio, il pressing è ripreso a tutto campo.

A Pechino è un continuo via vai di capi di Stato che lasciano la Great Hall of People sempre con qualcosa in tasca. Le missioni di Xi hanno, ormai, sempre più un contenuto economico, prima ancora che politico.

Altro esempio di diplomazia del chèque è il pacchetto di accordi che Jin Liqun, a capo dell’Asian infrastructure investment bank, la banca multilaterale di sviluppo creata su input di Pechino, ha in cartella. Intese utili a rafforzare l’immagine di Xi Jinping come nuovo pivot a cavallo tra Asia e Europa, l’Aiib ha appena tirato le somme del primo anno di vita - 57 i Paesi sottoscrittori, prestiti per 1.73 miliardi a supporto di nove progetti in sette Paesi, tra cui Pakistan, Bangladesh, Tajikistan, Indonesia, Myanmar, Azerbaijan e Oman. E un piano per il 2017 ancora più interessante, allargato anche a Paesi non strettamente dell’area asiatica. Come resistere alle proposte della Cina?

Si vocifera che una ventina di altri Paesi (ma non gli Usa, né il Giappone) vorrebbero entrare a far parte dell’Aiib, un altro sintomo della tendenza cinese ad aprire le porte alla globalizzazione.

Da un altro palcoscenico, quello dell’Asian financial forum di Hong Kong, il gran capo del Fondo sovrano cinese Ding Xuedong ha assicurato che la Cina continuerà a investire negli Usa, ad onta di quanto afferma il presidente eletto Donald Trump.

Una dichiarazione di intenti con un sottofondo politico molto importante, anche perché, a prescindere dalle minacce protezionistiche degli Usa, per China Investment Corporation (Cic), l’America si è rivelata una terra molto difficile di conquista. Di recente Cic ha subito una ristrutturazione tale da permettere a Ding di dire che il Fondo sovrano cinese è pronto a investire proprio in quei progetti americani che Donald Trump vuole riattivare per garantire la crescita dei lavori americani in America.

Cic è in cerca di investimenti remunerativi, perché non scommettere proprio sugli Usa? Il Fondo attualmente vanta 800 miliardi di dollari di asset e 200 in investimenti effettuati all’estero. Nato nel 2007, in ogni caso ha già immobilizzato negli Usa la maggior parte delle operazioni.

La Cina, insomma, non ha voglia di ritirarsi, nemmeno davanti alle minacce di nuovi dazi all’import, a dicembre il deficit della bilancia commerciale con gli Usa si è ristretto a 21.7 miliardi, il più basso da sei mesi a questa parte, pari a 250.8 miliardi entro l’anno, ma il commercio – pur messo in pericolo - è cosa diversa dalle infrastrutture e dallo shopping di aziende. Il Go Global cinese non può subire battute di arresto semplicemente perché si tratta di un fenomeno irreversibile. Dal 2003 in poi, non c’è angolo del pianeta in cui la Cina non abbia piantato una bandierina.

Tutti, d’altronde, rassicurano la Cina e i suoi interessi, nel timore di perdere i favori di Pechino. Ieri il taiwanese Terry Gou ha fatto sapere che il Foxconn Technology Group continuerà a dare esecuzione alle commesse della Apple in Cina, in tutte le aree in cui è presente una branch della società. Ed è solo l’ultimo, in ordine di tempo.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti