Gli esperti

Pediatri, 1 caso di Covid su 4 è di under 20. Come vanno i ricoveri

Ottimismo degli specialisti della Sip sulla ripresa delle vaccinazioni. Sinora «una certa esitazione per attendere le conseguenze delle prime dosi»

Covid, cresce numero bimbi positivi a Napoli. Dal Santobono appello a vaccinare i più piccoli

3' di lettura

Circa 1 contagio su 4, il 24%, riguarda nell’ultima settimana la fascia di età under 20. In un mese i ricoverati tra gli under 19 sono aumentati di quasi 800, 791 per la precisione, passando da 8.632 a 9.423. A pochi giorni dalla riapertura delle scuole i dati che derivano dall’ultima analisi dell’Istituto superiore di sanità (31 dicembre) preoccupano i pediatri italiani. Per la presidente della Società italiana di pediatria (Sip) Annamaria Staiano «i contagi stanno aumentando notevolmente». Al momento poi i vaccini non decollano con 340mila prime dosi su 3 milioni di bimbi.

Impennata nella fascia di età 16-19

Il report dell’Iss «evidenzia che nell’ultima settimana si osserva un aumento dell’incidenza di tutte le fasce di età». A dare pensieri è in particolare la fascia di età 16-19 anni. «Nelle ultime settimane - rileva Staiano - oltre all’aumento dell’incidenza nei bambini 6-11 anni si è avuta un’impennata tra 16-19 anni. Questo potrebbe essere spiegato dal fatto che nonostante questa categoria di ragazzi sia stata già protetta da 2 dosi vaccinali, solo da pochi giorni, circa 10, è stato autorizzato il booster. Evidentemente, questa è un’ipotesi, il dilagare della variante Omicron porta un aumento dell’incidenza dei casi anche in questi giovani che hanno solo due vaccinazioni».

Loading...

Fiducia in ripresa delle vaccinazioni

I vaccini 5-11 anni, dall’altro lato, non “decollano” anche se gli specialisti sono ottimisti sul fatto che si sia solo voluto attendere, da parte di molte mamme e papà, l’andamento delle prime immunizzazioni. «Siamo ottimisti - prosegue infatti Staiano - nonostante i numeri non siano ancora del tutto significativi. Ad oggi abbiamo intorno al 9,23% delle prime dosi, con un interessamento di circa 340mila bambini su una platea di 3 milioni e mezzo tra 5-11 anni. Sono ancora un po’ pochi, ci sono differenze tra le varie regioni con la Puglia che registra il 13%, la Lombardia 12%, Sicilia 4,24%, Campania intorno al 5%. Siamo però ottimisti, perché la frase più sentita nelle ultime settimane è quella di voler attendere: si è colta una certa esitazione da parte dei genitori perché volevano attendere le conseguenze delle prime dosi; fortunatamente si è visto che nelle ultime settimane non si sono osservati effetti collaterali importanti anche nei milioni di bambini già vaccinati in America, circa 10 milioni. Sono quelli delle comuni vaccinazioni, quindi minimi».

Tra i ricoveri in terapia intensiva anche neonati

Dai diversi nosocomi italiani arrivano notizie dei ricoveri dei più piccoli. Sono 16 i bambini ricoverati per Covid all’ospedale pediatrico Giovanni XIII di Bari. Il 60% ha meno di 1 anno e gli altri sono fra i 6 e i 12 anni. All’inizio di dicembre c’era un solo piccolo paziente in malattie infettive. «È il dato più alto da inizio pandemia», ha detto la direttrice del reparto di Malattie infettive del pediatrico, Desirée Caselli. «Nessuno presenta grossi problemi respiratori da trattare con ossigeno, a differenza di alcune gravi polmoniti trattate nei mesi scorsi. I bambini più piccoli vengono sempre ricoverati con un genitore per fornire loro assistenza», prosegue. «Il virus circola perché i più piccoli non sono vaccinati», sottolinea. «Rinnovo l’appello ai genitori: se i bambini sono in età per vaccinarsi, lo facciano senza esitazione».
Un bimbo di appena 9 mesi, arrivato dalla provincia di Chieti, è ricoverato in Rianimazione Covid all’ospedale di Pescara. A lui si aggiungono altri 3 piccini, di meno di 1 mese di vita, che invece si trovano o sono stati, in questi giorni, in Terapia intensiva neonatale. «Il bambino di 9 mesi - ha spiegato Giustino Parruti, direttore dell’Unità operativa complessa di Malattie infettive a Pescara, - ha una brutta polmonite insterstiziale. È sottoposto a terapia ventilatoria; per fortuna finora non è stato necessario intubarlo. Ci siamo appoggiati al pediatrico Gaslini di Genova per curarlo, perché loro hanno più esperienza in quest’ambito. Si tratta di situazioni rare, che in Italia si possono contare sulle dita di una mano. Una situazione difficile, ma in leggero miglioramento».

D'Amato (Lazio): seguite i pediatri, non aspettare

Un invito alle famiglie «per la vaccinazione dei loro figli e prenotare subito senza aspettare, date retta all’appello dei pediatri del Lazio. Il vaccino è l’unico strumento disponibile per arginare questa situazione che sta diventando sempre più impegnativa per i bambini, i ragazzi e le famiglie e anche per evitare gli effetti a lungo termine del Covid». È quello dell'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato. «I bambini devono tornare al più presto ad una vita normale, andando a scuola, praticando attività sportive e giocando con gli altri bambini, per questo è fondamentale la vaccinazione. Questo è l’appello che ho ricevuto dai rappresentanti della pediatria del Lazio e che desidero condividere. Nel Lazio nella fascia 5-11 anni abbiamo superato le 45 mila somministrazioni pari al 12% e nella fascia 12-19 anni siamo all'80% in seconda dose. Serve una accelerazione nella vaccinazione, i pediatri sono a disposizione delle famiglie per qualsiasi dubbio o incertezza».

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti