previdenza

Pensioni d’oro, dal taglio 300-600 milioni di risparmi

di Davide Colombo e Marco Rogari

L'assalto alle "pensioni d'oro"


2' di lettura

Accelerare e trovare una linea comune. Sulle pensioni il Governo comincia a tracciare la rotta che, con un’operazione a tappe, dovrebbe consentire di centrare entro la fine della legislatura uno dei punti chiave del famoso “contratto” gialloverde: il superamento della legge Fornero accompagnato dalla nascita delle pensioni di cittadinanza e dal taglio dei cosiddetti assegni d’oro. Proprio quest’ultimo intervento dovrebbe avere la funzione di apriprista nella strategia dell’esecutivo per avviare il restyling previdenziale. Una misura che sta molto a cuore al ministro del Lavoro, dello Sviluppo e vicepremier, Luigi Di Maio. Che punta a far scattare una stretta sui trattamenti con importi superiori ai 4mila euro netti mensili attraverso un disegno di legge da presentare prima della pausa estiva, quindi in tempi molto rapidi.

Il nodo: come intervenire
Il nodo da sciogliere resta sul come intervenire. Se con un ricalcolo di queste pensioni più elevate per eliminare il cosiddetto “squilibrio contributivo” che le allontana dal valore dei contributi versati, oppure se con un contributo di solidarietà, caldeggiato dalla Lega. Il ricalcolo, ammesso che vengano superate le numerose difficoltà tecnico-concettuali, garantirebbe risparmi tra i 300 e i 600 milioni annui, secondo una stima di Tabula, la società di consulenza previdenziale di Stefano Patriarca. Proiettando a oggi i dati del Casellario Inps aggiornati al 2016, si prevede che l’intervento possa interessare poco più di 75mila pensioni sopra quella soglia, se si considerano i singoli trattamenti. O, in alternativa, circa 100mila soggetti se si prendono in considerazione i redditi da pensione, derivanti dal cumulo di più trattamenti. Un numero, quest’ultimo, che salirebbe oltre le 108mila unità se si considerassero anche i pensionati che percepiscono l’assegno dalle venti Casse privatizzate.

Il taglio oscilla dal 10 al 12%
Il taglio potrebbe oscillare tra il 10 e il 12% dell’assegno “d’oro” attuale, a seconda del tipo di intervento. Ma nella maggioranza non mancano le perplessità sulla misura allo studio del ministero del Lavoro. Alberto Brambilla, esperto della Lega, spinge per esempio per un contributo di solidarietà triennale sugli assegni da 2mila euro lordi a salire, un prelievo tra i 5 e i 7 euro al mese che produrrebbe 1,5 miliardi di minore spesa.

M5S e Lega devono poi fare i conti anche i vincoli di bilancio su cui il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, non sembra disposto a concedere troppe deroghe prima di conoscere l’esito del confronto con Bruxelles sulla richiesta di nuovo spazi di flessibilità per l’utilizzo del deficit. Matteo Salvini pretende però un chiaro segnale sulle pensioni già con la prossima legge di Bilancio. Ecco allora che, in attesa di centrare entro la fine della legislatura l’obiettivo di garantire l’uscita ai lavoratori con quota 100 (almeno 64 anni di età e 36 anni di contribuzione) o quota 41 a prescindere dall’età anagrafica, un’opzione praticabile potrebbe essere quella di aprire la strada con la prossima manovra a quota 42, rendendola magari accessibile a una platea ampia ma non alla totalità dei pensionandi.

LA PLATEA

Numero di trattamenti e pensionati per fascia d'età. (*) dato al netto delle Casse privatizzate (Fonte: Tabula)

LA PLATEA

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...