ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl nodo-previdenza

Pensioni: ecco le uscite «rapide» dal lavoro alternative a quota 100

Su 341mila domande presentate, ben 165mila sono su anticipo senza aspettativa di vita, opzione donna, Ape e precoci

di Davide Colombo e Marco Rogari


Quota 100: arriva il restyling del governo giallorosso

3' di lettura

Nessuna corsa a «Quota 100». Che addirittura in termini di appeal rischia di perdere la sua leadership in favore di altre forme di pensionamento anticipato previste dal “decretone” del gennaio scorso. In attesa della verifica sui dati di cassa, l’ultimo monitoraggio Inps lo dimostra in maniera inequivocabile: delle oltre 341mila domande presentate al 10 settembre, ben 165mila riguardano i canali alternativi all’uscita con almeno 62 anni di età e 38 anni di contribuzione.

LEGGI ANCHE / La parabola di quota 100: dal boom dei primi giorni al crollo

Un dato quasi allineato alla sola «Quota 100» per la quale sono invece arrivate 175.999 richieste, di cui 110.733 accolte, con un trend molto più contenuto rispetto alle 290mila domande (comprese quelle per i pensionamenti senza adeguamento automatico) stimate originariamente. Non sarà, insomma, soltanto la misura bandiera del governo gialloverde a gonfiare le vele della spesa pensionistica. A far correre i nuovi pensionamenti anticipati del 2019, su cui ha acceso i fari la Ragioneria generale dello Stato, sono anche le altre agevolazioni e deroghe alla legge Fornero introdotte a inizio anno.

PER SAPERNE DI PIÙ / Dossier pensioni 2019

Una parte delle maggiori uscite (0,2% l’anno fino al 2036) che, secondo i tecnici del Mef, appesantiranno la curva della spesa, è legata agli altri quattro canali di uscita: anticipi senza adeguamento automatico alla speranza di vita; Opzione donna; Ape sociale; percorso agevolato per i cosiddetti lavoratori precoci. Vale ricordare che le stime della Ragioneria sono di competenza, a legislazione vigente e nelle ipotesi di adesione previste con la Relazione tecnica allegata al decreto di gennaio. Se la cassa sarà più bassa lo vedremo con i primi dati Inps, attesi in settimana.

GUARDA IL VIDEO / Quota 100: arriva il restyling del governo giallorosso

A fare la parte del leone sono le uscite anticipate svincolate dall’aggancio alla speranza di vita, che è stato congelato fino al 2026: quasi 124mila richieste, di cui oltre 55mila accolte e circa 50mila che risultavano giacenti al 10 settembre. L’utilizzo di questo canale di uscita è in crescita negli ultimi mesi. Basti pensare che al 10 giugno risultavano inoltrate all’Inps circa 81.500 domande , mentre quelle per «Quota 100» erano 145mila, appena 30mila in meno di quelle risultanti al 10 settembre.

Oltre 20mila (15mila a giugno) invece le istanze emerse dall’ultimo monitoraggio per Opzione donna, che è stata reintrodotta per il 2019 per consentire le uscite alle lavoratrici in possesso di 35 anni di contribuzione e 58 anni d’età (59 anni se “autonome”). Una misura considerata “strategica” anche dal Governo Conte bis. Il programma del nuovo esecutivo giallo-rosso ne prevede infatti esplicitamente la proroga.

Osservate speciali

Visualizza

Anche l’Ape sociale, ovvero l’anticipo pensionistico con 63 anni di età per determinate categorie di lavoratori in difficoltà, potrebbe rientrare negli interventi di restyling previdenziale del nuovo Governo. L’obiettivo, soprattutto del Pd, è renderlo strutturale e di ampliarne la platea, trasformandolo in una misura alternativa (o compensativa) a «Quota 100», anche se il ministro dell’Economia nella sua prima intervista ha affermato che «Quota 100 ha durata triennale e l’orientamento è lasciare che vada a esaurimento». Le domande di Ape sociale arrivate all’Inps sono poco più di 9.300, per questo strumento con finestra unica fissata al 31 marzo scorso. Analoga la situazione per le uscite agevolate dei lavoratori “precoci”: 11.500 le richieste riscontrate dall’ultimo monitoraggio, in questo caso le scadenze entro le quali si può presentare domanda di pensionamento sono il 1° marzo e il 30 novembre.

LEGGI ANCHE / Pensioni, «quota 100» debutta nella Pa: subito 27mila uscite da scuola e sanità

Tornando a «Quota 100» i trattamenti concessi dall’Inps a fine agosto risultavano 106mila (82.391 uomini, 24.433 donne), con un’età media alla data di decorrenza a 64 anni e un anticipo medio di 24 mesi sul pensionamento ordinario. Nonostante la «penalizzazione» dovuta all’anticipo si tratta comunque di assegni pesanti: circa 2mila euro lordi per gli uomini e 1.800 per le donne. Sempre a fine agosto i pensionamenti riconosciuti con anticipo a 42 anni e 10 mesi di contributi (41+10 per le donne) erano poco più di 50mila, età media 62 anni e assegno attorno ai 2.230 euro per gli uomini e 2mila euro per le donne. Più leggero il primo assegno Inps incassato ad agosto per le 11.900 lavoratrici che hanno scelto Opzione donna: circa mille euro, ma in questo caso l’anticipo è fino a 52 mesi e l’età media delle interessate solo 59 anni.

LE RICHIESTE D’USCITA

Monitoraggio di acceso alle nuove misure pensioinstiche: dati al b10 settembre 2019 (Fonte: Inps) Nota: * adeguamento automatico alle aspettative di vita

LE RICHIESTE D’USCITA
Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Davide Colomboredattore esperto

    Luogo: Roma

    Lingue parlate: italiano e inglese

    Argomenti: macroeconomia, welfare, finanza pubblica, Bankitalia

  • default onloading pic

    Marco Rogarivicecaporedattore

    Luogo: Roma

    Lingue parlate: italiano, francese

    Argomenti: conti pubblici, previdenza, politiche del welfare, pubblica amministrazione, attività parlamentare

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...