previdenza

Pensioni quota 100, ecco chi rischia le penalizzazione del 34,7%

di Davide Colombo

Pensioni, «quota 100» per 437mila persone, penalità fino al 30%


2' di lettura

In pensione prima ma con un assegno più leggero. La controriforma gialloverde non è ancora arrivata in Gazzetta Ufficiale ma ha già centrato un risultato. Superare la Fornero si può, lo abbiamo capito tutti, ma ha un costo.
La simulazione offerta ieri dall’Ufficio parlamentare di bilancio, la prima di un’authority istituzionale in attesa del disegno di legge con relazione tecnica, spiega che scegliere “quota 100” può costare, in termini di minore pensione, dal 5,6% in caso ci si ritiri un anno prima rispetto ai requisiti a legislazione invariata, fino al 34,7% in caso di uscita nel 2019 di chi avrebbe maturato la pensione (con la Fornero) nel 2025.

Pensione più leggera ma riscossa più a lungo
Una pensione più leggera, si dirà, ma intascata per qualche anno in più rispetto agli altri. Anche questi anni in più contano naturalmente, e bisogna tenerne conto. Il che significa, attualizzando i valori degli assegni “quota 100” rispetto a quelli targati Fornero, una perdita minima effettiva nel lungo termine dello 0,22% per chi va via l’anno prossimo anziché aspettare il 2020, e una perdita massima dell’8,65% per chi nel 2019 scegliesse una pensione da quotista anticipando di 6 anni la pensione standard che avrebbe invece maturato nel 2025.

Come calcolare la convenienza di “quota 100”
Le simulazioni di UpBilancio, che confermano a grandi linee altre simulazioni anticipate anche dal Sole24Ore, consentono facilmente di farsi un primo approssimativo calcolo di convenienza. In ballo ci sarebbero, il prossimo anno, 437.132 quotisti potenziali, ovvero lavoratori con una posizione contributiva attiva presso l’Inps che possono scegliere questo nuovo canale di uscita con 62 anni di età e 38 minimi di versamenti. Si vedrà quanti la sceglieranno davvero e quando. La simulazione, effettuata sulla base di un dataset Inps conta 187mila dipendenti privati, 92mila parasuburdinati e 157mila dipendenti pubblici, con pensioni medie lorde annue da circa 30mila euro. L’anno prossimo, sempre stando alla simulazione UpB e facendo riferimento ai soli lavoratori attivi (esclusi dunque coloro che hanno un temporaneo vuoto contributivo), andrebbero in pensione con gli altri canali previsti dalla Fornero altri 183.460 lavoratori, questi senza alcuna penalizzazione sull’assegno perché hanno raggiunto i requisiti per la vecchiaia a 67 anni, l’anticipo a 43 e 3 mesi oppure perché sono precoci, e avendo lavorato almeno un anno prima dei 19 possono ritirarsi con 41 anni.

La staffetta con nuove assunzioni
Ultima curiosità della simulazione UpBilancio riguarda il tema della sostituzione: per ogni pensionato quotista un nuovo assunto? La staffetta non sembra valere almeno per il pubblico impiego, visto che a fronte dei potenziali 157mila possibili candidati al ritiro (non tutti lo faranno, la scelta è volontaria, bene ripeterlo) il ddl di Bilancio (sezione I) prevede flussi annuali di nuove assunzioni nella Pa per 7.661 persone nel 2019, 5.280 nel 2020, 4.253 nel 2021.
Magari il mercato del lavoro privato mostrerà più dinamismo, un’ipotesi al momento tutta da dimostrare.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...