dati inps

Pensioni quota 100, quasi 22mila domande. Tra le città in testa Roma

di Nicola Barone


Quota 100: 40% domande da Sud, molti disoccupati

2' di lettura

Ammontano a 19.806 le domande per la pensione anticipata (cosiddetta «quota 100») presentate fino alle ore 19 di lunedì 4 febbraio. Altre 2mila se ne sono poi aggiunte fino alle 13 di oggi, portando il numero a quota 21.839. Ad aggiornare continuamente i dati è l’Inps, secondo cui alle 19 di lunedì tra le città in testa figurava Roma con 1.706 istanze inoltrate all’ufficio territoriale, seguita da Napoli (976) e Milano (698). La graduatoria delle categorie vede nell’ordine lavoratori dipendenti (8.335), gestione pubblica (6.134) e, con ampio distacco, i commercianti (1.561).

GUARDA IL VIDEO - Pensioni, in arrivo un milione di buste arancioni. Ecco tutte le vie di uscita 2019

GUARDA IL VIDEO / Quota 100: 40% domande da Sud, molti disoccupati

Il pensionamento anticipato con quota 100 avvantaggerà soprattutto gli uomini del Nord, con carriere più lunghe e continue, secondo le stime presentate ieri dal presidente dell’Inps Tito Boeri in audizione al Senato. Gli uomini a fine anno saranno il 62,6% degli interessati alla misura contro il 37,4% delle donne. Guardando alla distribuzione percentuale del maggior numero di pensioni a fine 2019 liquidate con quota 100 sul territorio il Nord rappresenta il 42,2% del totale, il Centro il 24,7% e il Sud e le Isole il 33%. Al momento le domande sono in percentuale più alta al Sud , perché le prime richieste arrivano da chi è rimasto senza lavoro.

Quota 100 - Domande Presentate
Dati aggiornati alle ore 19.00 del 04/02/2019

PER SAPERNE DI PIÙ / Quota 100, Inps: molti candidati alla pensione sono disoccupati, soprattutto al Sud

PER SAPERNE DI PIÙ / Quota 100 rischia di «svuotare» i Comuni. Previste 50mila uscite

Quota 100 è un trattamento “privilegiato” che sarà concesso a 650mila persone in tre anni per Boeri il quale sottolinea che con quattro anni di anticipo l'importo della pensione si riduce di più del 20 per cento. Questa riduzione è il portato sia della correzione attuariale vigente sulla quota contributiva che del lucro cessante associato al minor versamento contributivo data l'interruzione della carriera (c'è il divieto di cumulo con l'attività lavorativa). A fronte del taglio di importo della pensione chi dovesse uscire con 62 anni e 38 di contributi percepisce però la pensione per un numero maggiore di anni. Questo porterà a un aumento della ricchezza pensionistica (calcolando l'importo che si riceve per il numero degli anni di speranza di vita residua) nell'ordine di 12mila euro in valore attuale per un soggetto che anticipa quattro anni rispetto alla vecchiaia e di 20mila euro rispetto all'anticipata.

Quota 100 - Domande presentate

Dati aggiornati alle ore 19.00 del 04/02/2019

loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti