dopo il decretone

Pensioni quota 100, un regalo ai baby boomer maschi

di Vincenzo Galasso


Quota 100, ecco perché a pagare il conto saranno i giovani

3' di lettura

Articolo tratto da lavoce.info
Dopo tanti annunci, quota 100 si materializza. Per i prossimi tre anni, i suoi effetti sulle modalità di pensionamento degli italiani saranno sostanziali. Avranno diritto alla pensione anticipata quelli con almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi. Ma anche i lavoratori con un’anzianità contributiva di 42 anni e 10 mesi (41 anni e 10 mesi per le donne). Potranno accedere al trattamento pensionistico anticipato le lavoratrici con almeno 58 anni di età e 35 anni di contributi al 31 dicembre 2018, ma dovranno accettare ingenti riduzioni attuariali alla pensione. Continueranno a poter richiedere l'Ape sociale, fino al 31 dicembre 2019, i lavoratori con almeno 63 anni di età, 30 (o 35) anni di contributi e in condizioni di disagio – disoccupati, usuranti, disabili.

L’uso dei fondi di solidarietà, da parte delle imprese, è esteso ai lavoratori che nei successivi tre anni potranno fare uso di quota 100. Mentre l’agevolazione introdotta per il riscatto dei periodi non coperti aiuterà il conseguimento dei 38 anni di contributi necessari per raggiungere quota 100.

PER SAPERNE DI PIÙ / DOSSIER PENSIONI 2019
Cosa cambia rispetto alla normativa vigente? Ovviamente, la riduzione dei criteri di accesso alla pensione di anzianità abbasserà l’età media di pensionamento: di un anno e mezzo nel settore privato secondo le stime dell’Ufficio parlamentare di bilancio. Sempre secondo queste stime, la platea interessata da quota 100 nel 2019 è di 475mila lavoratori, per i due terzi uomini e per la metà soggetti al sistema retributivo. L'allargamento dell'uso dei fondi di solidarietà consentirà una fuoriuscita dal mercato del lavoro, attraverso questo canale, già a 59 anni.
Tutto ciò nei prossimi tre anni. Per un costo, secondo le stime del governo, di ben 22 miliardi di euro. Impossibile non chiedersi se ne valga la pena.

La flessibilità costa
Qual è l’obiettivo di questa misura di politica economica, che le forze al governo avevano già ampiamente pubblicizzato in campagna elettorale e che hanno poi incluso nel contratto di governo? L’obiettivo politico era, ed è tuttora, di cancellare la riforma Fornero. Tradotto in termini economici, l’intento potrebbe essere quello di aumentare la flessibilità in uscita dal mercato del lavoro. Se così fosse, sarebbe sicuramente un proposito condivisibile – e condiviso da molti. Infatti, la domanda di flessibilità in uscita è sicuramente aumentata nell'ultimo decennio, ovvero da quando – prima della riforma Fornero – l’età media di pensionamento in Italia (e nel resto dei paesi Ocse, ad eccezione della Grecia) ha iniziato ad aumentare. Lavoratori anziani con esigenze familiari o di salute, o semplicemente stanchi e demotivati, potrebbero voler lasciare. Analogamente, imprese con la necessità di ristrutturare potrebbero voler rinunciare ai servizi di lavoratori ormai anziani, ma comunque costosi.
La flessibilità in uscita è legittima, ma costa. Se un lavoratore anticipa di un anno il pensionamento crea due effetti sul sistema previdenziale. Un anno di contributi previdenziali in meno. E un anno di pensione erogata in più. Dunque, il sistema pensionistico incassa di meno e versa di più. A meno che, ovviamente, la pensione mensile erogata non sia ridotta per compensare i minori versamenti e il più lungo periodo di erogazione.

Alcune proposte di riforma pensionistica presentate negli anni scorsi prevedevano penalizzazioni attuariali, che prendessero atto di entrambi gli effetti, come accade del resto nel sistema contributivo sin dalla sua introduzione, nel 1995. E anche l’Ape volontaria, introdotta ad aprile 2018, includeva una penalizzazione implicita, sebbene attraverso un meccanismo di mercato. Quota 100 invece considera solo il primo effetto – la riduzione dei contributi – ma non il secondo, ovvero l’aumento degli anni di erogazione. In tal modo offre un bonus ai 400mila o più lavoratori che la sceglieranno per andare in pensione nei prossimi tre anni. Un bonus che tuttavia andrà finanziato dai contributi previdenziali pagati da altri lavoratori.

Opzione donna, invece, considera entrambi gli effetti. Il criterio di calcolo della pensione risulta corretto, ma le conseguenti riduzioni dell'assegno pensionistico sono sostanziali.
Dunque, quota 100 va ben oltre l'obiettivo di fornire un canale di flessibilità in uscita dal mercato del lavoro. Incentiva il pensionamento anticipato e per farlo incanala una gran quantità di risorse verso lavoratori sessantenni, prevalentemente uomini, con carriere lavorative continue e aderenti al (generoso) sistema retributivo. Solo per tre anni. Una (ulteriore) concessione ai baby boomer – soprattutto agli uomini – già in precedenza esentati dal costo delle riforme Amato e Dini.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...