ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLegge di bilancio

Pensioni, l’età per Opzione donna resta a 58 anni. Ecco i requisiti 2022

Nel testo finale della manovra che approderà in Parlamento scomparirà l’innalzamento della soglia anagrafica per la pensione anticipata delle lavoratrici

di Marco Rogari

Pensioni, Pd: "Cambiare la Fornero". Lega: "Fare di piu' per le donne"

3' di lettura

Dopo lo scalone nel passaggio tra Quota 100 e la legge Fornero in versione integrale, salta anche lo “scalino” di Opzione donna. Che si sarebbe materializzato con l’innalzamento della soglia anagrafica per l’uscita anticipata delle lavoratrici, in possesso di almeno 35 anni di contributi, dagli attuali 58 anni (59 per le “autonome”) a 60 anni (61 sempre per il settore del lavoro autonomo). Un innalzamento inserito nel testo del disegno di legge di bilancio approdato in Consiglio dei ministri per l’approvazione, ma che non sarà più previsto dall’articolato finale della manovra su cui si dovrà pronunciare il Parlamento.

A meno di ripensamenti dell’ultima ora (sempre possibili), il requisito anagrafico dovrebbe rimanere fermo a 58 anni anche per il prossimo anno. Con il vincolo, già noto, per le lavoratrici che decideranno di utilizzare questo canale d’uscita: il ricalcolo in configurazione interamente “contributiva” dell’assegno pensionistico. E proprio questa sembra essere la strada che il governo sembra intenzionato a percorrere per tutte le uscite pensionistiche prima del limite di vecchiaia dei 67 anni a partire dal 2023.

Loading...

Nel 2022 per le donne uscita anticipata non sale più a 60 anni

L’intenso pressing della maggioranza (dal Pd alla Lega), oltre che dei sindacati, ha indotto il governo a un rapido ripensamento sui requisiti per accedere a Opzione donna, che sarà prorogata per il 2022, così come l’Ape sociale in versione estesa a nuove categorie di lavori gravosi. L’intenzione di far lievitare la soglia anagrafica a 60 anni, con conseguente “scalino” rispetto alla soglia attuale, è stata già abbandonata. I ministeri dell’Economia e del Lavoro si sono messi all’opera per recuperare le risorse necessarie per mantenere l’attuale schema di uscita anticipata con 58 anni d’età (59 per le “autonome”) e almeno 35 di versamenti, da maturare entro la fine di quest’anno. Un’operazione non impossibile vista l’utilizzazione relativamente bassa registrata fin qui per questo strumento: nel 2019 le richieste per Opzione donna accolte dall’Inps sono state 21.090 e nel 2020 14.510.

Per il 2023 l’ipotesi di anticipo contributivo per tutti

L’utilizzazione di Opzione donna è vincolata al ricalcolo contributivo della pensione anticipata. Un meccanismo che piace a Mario Draghi e che potrebbe essere proposto dal governo al tavolo con le parti sociali che si aprirà nelle prossime settimane per provare a definire un nuovo assetto previdenziale dal 2023, dopo che alla fine del prossimo anno si sarà esaurita Quota 102 (uscita con 64 anni d’età e 38 di contributi), voluta dal governo per rendere più graduale il passaggio tra Quota 100, che scade a dicembre 2021, e la legge Fornero in versione integrale (comprensiva dei provvedimenti in vigore che l’anno preceduta).

In altre parole, per chi volesse (o “dovesse”) uscire dal lavoro prima di essere in possesso dei requisiti di “vecchiaia”, scatterebbe un trattamento totalmente contributivo calcolato sui versamenti e sull’anzianità contributiva effettivamente maturati, con conseguente riduzione rispetto a un assegno comprensivo di una “fetta retributiva”. In questo modo ci sarebbe una sorta di allineamento al canale d’uscita già previsto dalla legge Fornero per i soggetti interamente “contributivi” (chi ha cominciato a lavorare dopo il 31 dicembre 1995), che già consente il pensionamento con un minimo di 64 anni d’età e 20 di contribuzione.

Pd: ok anticipo contributivo per tutti, con tutele per giovani

In Parlamento quasi tutta la maggioranza chiede una riforma organica dal 2023 per evitare un ritorno secco alla legge Fornero. E questo è anche l’obiettivo dei sindacati, che però non gradiscono l’ipotesi di anticipo contributivo per tutti. Per il Pd, invece, questa via può essere percorsa ma a patto che venga prevista un’apposita forma di garanzia pensionistica per i giovani, che sia resa strutturale l’Ape sociale e che vengano previste specifiche tutele per le categorie più fragili. Secondo i Dem, anche il sistema contributivo va reso più flessibile, ampliando la libertà di scelta dei lavoratori sull’età di pensionamento con un ricalcolo attuariale della pensione.

La maggioranza punta a ritocchi su Ape sociale e Fondo Pmi

Prima di sviluppare il confronto sulla possibile, nuova riforma, il governo dovrà condurre in porto la manovra. Proprio il capitolo-pensioni si annuncia uno di quelli su cui al Senato, dove la legge di bilancio comincerà il suo cammino parlamentare, si concentreranno numerose richieste di modifica della maggioranza. Con la Lega che spera di estendere a tutte le imprese con meno di 15 dipendenti il nuovo Fondo per le uscite anticipate nelle Pmi “in crisi” e il Pd che punta ad allargare ulteriormente il bacino dell’Ape sociale con l’inserimento di altre categorie di lavori gravosi, oltre alle nuove otto già previste dal governo in aggiunta alle quindici originarie.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti