Finanza

Per Brunello Cucinelli il 2021 chiuderà a +30%: «Pronti a tornare sugli obiettivi al 2028»

«Un anno bellissimo e di riequilibrio - secondo l’imprenditore, - ma vanno trovate nuove visioni per il futuro». L’azienda punta anche a ridurre le sue emissioni di gas serra

di Giulia Crivelli

Brunello Cucinelli

2' di lettura

Moderazione: è la parola che Brunello Cucinelli ieri ha detto più spesso durante la call con gli analisti, appuntamento solitamente incentrato su dati di ricavi e redditività appena approvati dal cda. Non questa volta: o meglio, i dati dei primi nove mesi sono noti dal 21 ottobre e quelli dell’intero esercizio saranno annunciati il 10 gennaio. I nuovi numeri fatti da Cucinelli, presidente (e direttore creativo) dell’azienda, usano “solo” come punto di partenza i ricavi del periodo gennaio-settembre, 502,6 milioni, cresciuti a cambi costanti del 34,5% rispetto al 2020 e del 12,2% sul 2019. Come dire che l’azienda cresce a doppia cifra rispetto ai livelli pre Covid. Ci sarebbe da esultare, ma Cucinelli esorta se stesso, il cda e l’intera azienda, appunto, alla moderazione.

«Se ad aprile o maggio del 2020 un analista, economista, un collega imprenditore o magari un mago avessero predetto una ripresa come quella che abbiamo visto nel 2021, difficilmente gli avrei creduto – racconta Cucinelli –. Il rimbalzo delle vendite ha toccato buona parte dell’alta gamma e dobbiamo farne buon uso: non possiamo più dire di essere annebbiati dalla pandemia o dalle difficoltà finanziarie, dobbiamo tornare alle nostre visioni di lungo termine. O costruirne di nuove».

Loading...

«Discutere di sostenibilità è abbastanza semplice: le persone ascoltano volentieri il racconto di bei progetti spiegati con belle parole. Ma la vera bellezza (altra parola molto amata e usata da Cucinelli, ndr) sta nel dare forma concreta e misurabile alle idee di cambiamento e miglioramento». Il cda di ieri ha approvato l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra, coerentemente con i principi della Science based targets initiative (SBTi), ente indipendente al quale la società sottoporrò i suoi obiettivi entro la fine dell’anno.

L’AZIENDA IN NUMERI
Loading...

«L’impegno è chiaro: nel piano 2019-2028 è inserita la riduzione delle emissioni del 60% in termini di intensità economica, del 70% in valore assoluto per quelle scope 1 e 2 e del 22% per le emissioni scope 3», precisa Cucinelli, rifacendosi ai parametri messi a punto dall’Onu. L’orizzonte temporale è lo stesso delle strategie di crescita dell’azienda. Anticipando i risultati dell’intero esercizio che verranno esaminati dal primo cda del 2022, Brunello Cucinelli definisce il 2021 «un anno bellissimo e del riequilibrio»: con una crescita del fatturato vicina al 30% consentirà di recuperare totalmente la perdita del 10% avuta nel 2020, «così da riprendere il nostro solido e sereno cammino verso gli obiettivi del piano 2019-2028».

Forse è questo il segreto di Cucinelli: vivere il presente con moderazione (non si ha notizia, ad esempio, di jet privati o ambizioni di viaggi spaziali per l’imprenditore umbro e la sua famiglia) e allo stesso tempo immaginare un futuro vicino ma anche lontano. Dopo il Parco della bellezza di Solomeo, finanziato dalla Fondazione Brunello e Federica Cucinelli, in ottobre è stata annunciata la Biblioteca Universale di Solomeo, che aprirà nel 2024, vicino alla Chiesa e al teatro del borgo.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti