focus città

Per comprare casa a Palermo il budget medio è di 180mila euro

La tempistica media di vendita è scesa in media a 7 mesi; lo sconto sfiora il 19%

di Cristina Giua


default onloading pic

2' di lettura

Aumento delle compravende e leggera diminuzione dei prezzi rispetto al semestre precedente. Aumento della domanda nelle zone più ricercate, che si accompagna però con anche leggero aumento degli immobili in vendita. Queste le coordinate del mercato residenziale di Palermo, suggerite da Danilo Ruvituso, agente Re/Max, con cui la città si prepara al rush sull'ultimo trimestre dell'anno.

«Le tipologie più richieste e quindi più vendute – puntualizza Ruvituso – sono gli appartamenti in zone centrali o semi-centrali con 2 camere, salone, cucina abitabile, doppi servizi, piani medi-alti, in stabili ben mantenuti: sono tipologie utilizzate sia come case di abitazione, sia come investimento da mettere a reddito (con ritorni che si collocano tra il 4-5% lordo l’anno)».

Per far fronte a queste esigenze, l’acquirente palermitano ha disposizione un budget medio di 180mila euro (cifra compatibile con l'accesso al finanziamento con mutuo ipotecario). La media comprende sia gli immobili in zone periferiche (dove il budget scende a 110mila euro), in zone semi-centrali (dove la capacità di spesa si colloca in media a quota 160mila euro). E infine nelle zone centrali, dove per i tagli più richiesti (tre-quattro locali) la cifra media di spesa sale a 230 mila euro. I quartieri più ambiti per un acquisto residenziale rimangono i centrali Libertà, Barbottandolo, Strasburgo, Sperlinga-Lazio-Campania e i semi-centrali di Calatafimi e area Uditore.

Tornando alla situazione del credito, in base alla raccolta dati eseguita da Facile.it negli ultimi sei mesi, l’importo medio richiesto alla voce mutuo è di 128.577 euro, a fronte di un importo medio effettivamente erogato di 115.252 euro e un valore medio degli immobili acquistati di 190.115 euro.

Si accorciano anche i due indicatori che misurano l’andamento del mercato: da una parte la tempistica media di vendita è scesa in media a 7 mesi. In calo anche la percentuale che misura la disponibilità a trattare da parte di venditore/acquirente: in questo fase infatti lo sconto tra prezzo di partenza e prezzo di chiusura è sceso ad una media del 18,6 per cento.

Da segnalare, infine, la forte crescita della domanda di alloggi da prendere in affitto, purché si tratti di immobili ristrutturati o in ottimo stato. Le tipologie più richieste in questo segmento sono i tre-quattro locali con budget di spesa massima che non superi la soglia di 600-700 euro al mese.

I PREZZI ZONA PER ZONA Andamento della domanda e dell'offerta immobiliare per quartiere e prezzi medi (in euro) al mq per tipologia di abitazione e tempi medi di durata delle trattative di compravendita (dall'incarico all'agente al compromesso) - GLI AFFITTI Canoni mensili medi indicativi di affitto nelle diverse zone della città per un bilocale (dai 60 ai 70 mq) e per un trilocale (dagli 80 ai 90 mq).
GLI INDICATORI DELLE TRATTATIVE
I TREND

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...