ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCosmetica di nicchia

Per Finmark il servizio personalizzato è centrale

L’azienda che distribuisce profumi e skincare di nicchia accelera su sistemi di digitalizzazione e automatizzazione e strategie per la fidelizzazione e l’acquisizione di nuovi consumatori

di Marika Gervasio

Profumi artistici. The Library Collection di Amouage, marchio distribuito da Finmark

2' di lettura

Trasformare la bellezza in “bellessere” è l’obiettivo di Finmark, azienda fondata nel 1998 dalla famiglia Catalani che opera nell’importazione e distribuzione di skincare e profumeria di nicchia: tra i marchi in portafoglio ci sono Amouage, Erno Laszlo e Orens Parfums. «Il settore delle fragranze si è trasformato durante la pandemia e uno dei fattori che lo ha modificato è stato il cambiamento delle abitudini del consumatore – spiega Andrea Catalani, fondatore e ceo di Finmark –. Vivere in un contesto precario negli equilibri, stando chiusi in casa e lavorando in modalità smartworking, ha avvicinato il consumatore a ingredienti, strumenti e modi di vivere in grado di riportare una sorta di positività e benessere. La cosmesi in generale ha avuto un ruolo importante in questo contesto. Il bisogno di prendersi maggiormente cura di sé e farlo dedicando più tempo al relax, scegliendo prodotti ad hoc e di alta qualità ha dato una direzione nuova al beauty business».

E aggiunge: «Da imprenditore ho dovuto rimodulare i modelli di business mantenendo però sempre il focus cruciale sul cliente wholesale, i punti vendita, e sul consumatore finale. L’arma vincente è sempre fornire un servizio personalizzato ai clienti affinché abbiano tutto il supporto necessario per soddisfare i bisogni del consumatore finale e creare un legame solido di fidelizzazione». E adesso si guarda alla Finmark 2.0 con focus sui sistemi di digitalizzazione e automatizzazione, sulle strategie per la fidelizzazione e l’acquisizione di nuovi consumatori. «Facciamo in modo che il punto vendita riceva un servizio unico e abbia la soluzione, anche quando il bisogno non è ancora percepito, per poi trasferirlo al consumatore finale – continua Catalani –. Tutto questo grazie all’automazione basata sullo sviluppo di specifici algoritmi e la digitalizzazione dei nostri processi, con i sistemi di geolocalizzazione, una approfondita conoscenza del consumatore, e una strategia di comunicazione omnichannel».

Loading...

Un altro tema che sta molto a cuore all’azienda è l’inclusività. «Da azienda che vive la bellezza, riteniamo che sia nostro dovere comunicare che questa sta nell’unicità, che non ha regole, età e genere – spiega l’imprenditore –. I giovani, in alcuni casi, hanno radicato il pensiero di una bellezza stereotipata ma sono anche quelli più capaci di trovare la bellezza in forme diverse e comunicarla con linguaggi nuovi».

Senza dimenticare la sostenibilità: «È chiaro che i processi aziendali non si trasformano dall’oggi al domani e noi ci siamo dati degli ambiziosi obiettivi da raggiungere attraverso piccoli step per grandi risultati – conclude il ceo –. Tre anni fa siamo partiti dalle scatole utilizzate per la consegna della merce e la scelta degli spedizionieri e i veicoli utilizzati per le consegne. Oggi, per esempio, la nostra azienda consegna al cliente facendo il riuso dei cartoni».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti