ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIndustria cosmetica

Per L’Oréal la ricerca passa da sostenibilità e nuove tecnologie

Tra le varie novità a VivaTech 2022 è stato presentato il Retail Lab dedicato a materiali «green» per packaging e display nei punti vendita

di Marika Gervasio

2' di lettura

«L’Oréal è stata fondata da uno scienziato e la ricerca è sempre stata alla base del suo modello. E lo è ancora. Oggi, però, la ricerca è chiamata a giocare un ruolo anche nel campo della sostenibilità». Barbara Lavernos, deputy chief executive officer del gruppo L’Oréal e numero uno della Ricerca, innovazione e tecnologia, racconta come il colosso francese della cosmetica stia affrontando le sfide del cambiamento imposto da pandemia e digitalizzazione.

«I nostri 4mila scienziati in tutto il mondo hanno un unico obiettivo: innovare per fornire ai nostri marchi e consumatori il meglio della scienza e creare esperienze di bellezza che soddisfino le loro esigenze e aspirazioni – racconta –. Dedichiamo anche molte energie per ridurre l’impronta ambientale delle nostre formule e per rispettare la biodiversità grazie a una politica di approvvigionamento sostenibile e responsabile. Il 59% delle nostre materie prime proviene da fonti vegetali rinnovabili e l’80% sono biodegradabili. Nel 2030, il 95% dei nostri ingredienti sarà biobased, derivato da minerali abbondanti o da processi circolari».

Loading...

Recentemente a VivaTech 2022, la fiera della tecnologia e dell’innovazione di Parigi, il gruppo ha presentato il Retail Lab, dedicato a materiali sostenibili – dalla plastica riciclata al legno sostenibile ai materiali a base di funghi – per packaging e display nei punti vendita; e la partnership con Breezometer, azienda di tecnologia climatica, per studiare innovazioni che proteggono e preservano la salute della pelle contro allergeni e inquinamento.

«A Parigi abbiamo presentato diverse innovazioni tecnologiche rappresentative di come tutti i nostri marchi e divisioni stiano innovando per la sostenibilità, una maggiore inclusività e personalizzazione nella bellezza. Ma per me, la dimostrazione principale è che la tecnologia, basata sulla scienza degli algoritmi, intelligenza artificiale e sulla conoscenza di macchinari e formulazioni, ci consente di inventare nuove esperienze e ci spinge nel futuro: la prossima frontiera sarà il metaverso». E conclude: «Stiamo affrontando il periodo post Covid con resilienza, fiducia e successo: non vediamo alcun motivo per essere pessimisti. Nonostante l’incertezza economica, le persone non rinunciano a piccoli lussi come un rossetto o un profumo e noi con il nostro ampio portafoglio di marchi possiamo accontentare ogni esigenza».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti