basilea

Per Mch Group inizia l’era James R. Murdoch

Con l'ingresso di Lupa Systems parte il risanamento finanziario del gruppo svizzero proprietario dei marchi ArtBasel e Baselwolrd che prevede di chiudere il 2020 con un giro d'affari più che dimezzato

di Maria Adelaide Marchesoni

default onloading pic
__Fergus_McCaffrey__PR_4261

Con l'ingresso di Lupa Systems parte il risanamento finanziario del gruppo svizzero proprietario dei marchi ArtBasel e Baselwolrd che prevede di chiudere il 2020 con un giro d'affari più che dimezzato


2' di lettura

L'assemblea generale straordinaria di MCH Group SA , il gruppo che controlla ArtBasel e Baselworld (orologi e gioielli) ha approvato l'operazione che consente a Lupa Systems , società fondata nel 2019 da James R. Murdoch, figlio del magnate dei media Rupert Murdoch, di detenere fino al 49% delle azioni oltre ai due aumenti di capitale per un totale di 104,5 milioni di franchi. James R. Murdoch sottoscriverà gli aumenti di capitale attraverso la conversione di un prestito di 30 milioni di franchi del Cantone della città di Basilea e un'iniezione di liquidità pari a 74,5 milioni di franchi, oltre alla possibilità di sottoscrivere i diritti che gli altri azionisti non eserciteranno al prezzo di 10,5 franchi che configura uno sconto del 25% rispetto al prezzo medio delle azioni degli ultimi 30 giorni prima della comunicazione dell'operazione, ritenuto congruo per una società entrata in un ciclo economico negativo, dato il drastico calo del fatturato di quest'anno e con proiezioni ancora molto deboli per il 2021. L'accordo con James R. Murdoch prevede un impegno a lungo termine da parte di Lupa Systems della durata di almeno 15 anni con un periodo di lock up di cinque anni.

La guidance 2020 e 2021
Rivista in peggioramento la guidance per effetto della crisi sanitaria causata dal Covid-19 ancora in corso, con contagi in aumento a livello mondiale, continuerà ad avere un forte impatto negativo sull'attività commerciale nella seconda metà del 2020 e durante l'esercizio 2021. Tuttavia le grandi incertezze che caratterizzano questo momento rendono difficile prevedere l'evoluzione e le conseguenze dell'epidemia. Le proiezioni indicano per l'esercizio 2020 un calo del fatturato nell'ordine di 230 - 270 milioni di franchi svizzeri rispetto all'anno precedente (445,2 milioni di franchi svizzeri) ammontare che porterebbe a una stima di fatturato compresa tra 130 - 170 milioni di franchi svizzeri. Per il 2021 le stime indicano una lenta ripresa con un fatturato in crescita di 70-100 milioni di franchi svizzeri rispetto al 2020. La perdita per il 2020 è indicata nell'ordine del milione di franchi svizzeri nella fascia superiore a due cifre.

In borsa
Il titolo (SWX:MCHN) segna un prezzo pari a 15,20 franchi svizzeri (4 agosto, 17:30 chiusura) in calo rispetto a 17,60 franchi svizzeri dello scorso 10 luglio (-13,6%). Dall'inizio dell'anno MCH Group ha registrato un calo del 41,5% circa.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti